L'Opinionista Giornale Online - Notizie del giorno in tempo reale
Aggiornato a:
 

MEDAGLIE AL VALORE CIVILE – MILITARE – AERONAUTICO - MARINA

descrizione delle quattro tipologie di medaglie al valore

Nel precedente numero abbiano iniziato a descrivere sui generis la medaglia al valore. Or bene precisiamo che di questa categoria, si annoverano quattro tipi distinti (macrocategoria) “Medaglia al Valore Civile” – “Medaglia al Valore Militare” – “Medaglia al Valore di Marina” – “Medaglia al valore Aeronautico” che a loro volta si articolano in ulteriori classi e tipologie, classe Oro – Argento e Bronzo. Ma andiamo nel dettaglio, dando alcuni cenni storici e legislativi.
MEDAGLIA AL VALORE CIVILE - Storicamente istituita con R.D. – Regio Decreto del 30 aprile1851 – ma odiernamente regolata da Legge dello Stato del 02 gennaio 1958 nr. 13 – e dal regolamento di esecuzione previsto dal DPR del 06 ottobre 1960 nr.1616, questa Onorificenza premia atti e comportamenti di assoluto e comprovato coraggio tale da riconoscere all’insignito pubblico onore attraverso il conferimento stesso.
L’attribuzione di questo importante riconoscimento, può essere concesso a cittadini dello Stato Italiano, ma anche a stranieri, ad Enti e corpi militarmente organizzati sempre ché gli appartenenti o singoli interessati abbiano esposto con grave pericolo la propria vita per situazioni non ordinarie. Ma anche coloro che abbiano dato testimonianza di prestigio alla Patria. Nel contesto della Medaglia al Valor Civile esistono quattro classi di merito, Oro – Argento – Bronzo – ed una residuale, attestato di Pubblica Benemerenza.
MEDAGLIA AL VALORE MILITARE - Storicamente istituita da Vittorio Amedeo III° di Savoia, soppressa e ricostituita alcuni anni più tardi, ha subito modifiche sostanziali nel corso di quasi un secolo fino a giungere all’anno 1946, ove con l’avvento della Repubblica Italiana – l’Onorificenza è stata riconosciuta a tutti gli effetti come Medaglia al Valore Militare. Il conferimento avviene per DPR (Decreto Presidente Repubblica), su proposta del Ministro della Difesa, in quanto ai sensi dell’art. 87 della Costituzione Italiana, il Capo dello Stato in quanto è quest’ultimo sotto l’aspetto sostanziale ad avere incarico di “Comando delle Forze Armate e presiedere il Consiglio Supremo di Difesa”-.
La ricompensa della Medaglia al Valor Militare ha lo scopo di segnalare a tutti i consociati dello Stato Italiano che l’insignito per oggettivo riscontro ha compiuto atto/i di eroismo in ambito militare. Le ricompense possono essere concesse a cittadini italiani nonché a comandi, corpi o enti che, partecipando collettivamente ad imprese particolarmente difficili, abbiano contribuito ad aumentare il prestigio dell'Esercito italiano.
Le medaglie d'oro e d'argento al valore Militare sono concesse a coloro che, in condizioni di estrema difficoltà, hanno dimostrando non comune coraggio, esponendosi con la propria vita ad un rischio concreto ovvero perché hanno salvato una o più persone da un grave pericolo. La medaglia di bronzo, invece può essere concessa per atti ed imprese di particolare straordinarietà e coraggio ma anche elevata perizia ovvero per aver esposto a grave rischio la propria vita.
La medaglia al valore Militare, viene purtroppo spesso concessa alla memoria di colui o coloro che sono rimasti vittima e deceduti in missione. I casi di attribuzione in questo contesto, sono di recente esponenzialmente aumentati alla luce degli eventi occorsi ai Nostri Soldati Italiani. In caso appunto di morte dell’insignito, l’onorificenza viene resa di materiale disponibilità del coniuge superstite sempre che tra gli interessati non sia stata pronunciata sentenza di separazione e sempre che il superstite mantenga lo status di vedovo/a. In mancanza del coniuge a cui consegnare il riconoscimento, l'insegna onorifica viene attribuita al primo dei figli ed in mancanza di essi al padre ovvero alla madre. In ultima fattispecie, in mancanza dei precedenti, l’onorificenza diverrà a tutti gli effetti giuridici di proprietà del corpo di appartenenza.
MEDAGLIA AL VALORE AERONAUTICO - Istituita con Regio Decreto del 27 novembre 1927, n. 2297 il quale ha anche provveduto a riconoscere la medaglia Commemorativa delle imprese aeronautiche. Il riconoscimento viene attribuito a coloro che facenti parte l’Amministrazione dell’Aeronautica per atti ed imprese dove hanno dimostrato particolare e quanto unico coraggio in attività in volo rientrando nei casi di eccezionalità (pericolo estremo).
In linea di massima l’attribuzione della medaglia d’Oro è riscontrabile quando oltre ai fatti di straordinaria eccezionalità, anche l’Aeronautica stessa riceve riconoscimento ed onore. Le classi anche in questo caso possono essere Oro – Argento – Bronzo. La medaglia al valore aeronautico è conferita da Noi sulla proposta del Nostro Ministro per l'aeronautica. La medaglia commemorativa è invece concessa dal Nostro Ministro dell’Aeronautica.
MEDAGLIA AL VALORE DI MARINA - Istituita con il Regio Decreto del 12 luglio 1938, n. 1324 – parzialmente sostituito e modificato con D.P.R. del 16 luglio 1997, al n. 361 (vedi Gazzetta Ufficiale del 27 ottobre 1997, n. 251). Questo riconoscimento tende a premiare tutti gli atti di coraggio che sono stati diretti a salvare vite umane in mare, che hanno impedito con la loro attività ad impedire incidenti marittimi, ma anche per studi svolti dai singoli che hanno avuto l’intuito e reale capacità di sviluppo e progresso della Marina Militare Italiana.
Questa onorificenza è anche attribuita a coloro che con singole azioni hanno posto in essere azioni particolarmente meritorie e da cui la Marina stessa ha ottenuto lustro. La medaglia d'oro e di argento al valor di marina è destinata a ricompensare coloro che nel compiere atti di coraggio in mare hanno dimostrato perizia marinaresca ed esposto la propria vita a manifesto pericolo. Per la medaglia d'oro si richiede il concorso di circostanze tali da rendere l'atto compiuto meritorio e commendevole in sommo grado. La medaglia di bronzo e l'encomio sono, invece, destinati a ricompensare atti di coraggio compiuti con perizia marinaresca, ma senza manifesto pericolo di vita.
(di Rino Berardi - del 2010-03-15) articolo visto 5441 volte
sponsor