L'Opinionista Giornale Online - Notizie del giorno in tempo reale
Aggiornato a:
 

PLACCA, FASCIA, ROSETTA E NASTRINI

Applicazione, utilizzo ed ordine di precedenza

LA PLACCA - E' un’insegna onorifica metallica, tipica degli Ordini Cavallereschi, oggettivamente di grado superiore e di cui si possono fregiare gli insigniti di un titolo onorifico (esempio i Cavalieri di Gran Croce). Le placche, che sono essenzialmente di metallo pregiato, hanno una variegata forgia e forma ma anche dimensione. Caratteristiche talvolta da renderle uniche nel suo genere perché anche arricchite da pietre preziose, tanto da essere anche oggetto di contesa nelle collezioni private. Le placche possono essere di misura standard (secondo quanto dettato dai rispettivi ordinamenti degli enti emittenti)ovvero misure ridotte meglio direi miniature.
Non è possibile certamente poter esprimere nel dettaglio le misure e le caratteristiche di ognuna di esse, sarebbe impresa presso che impossibile, ma si può descrivere almeno la sua applicazione. La placca, viene rigorosamente applicata, meglio dire appuntata, a sinistra ed in basso del petto (a destra per chi osserva) ed indossabile sia dal rango maschile che femminile.
E’ possibile, anche se è raro, trovarsi di fronte a soggetti insigniti di alte onorificenze, che indossano più placche in quanto titolati di più onorificenze di vari ordini cavallereschi. Alla placca viene abbinata una fascia che in questo caso, sarà una e solo una, in quanto l’interessato dovrà indossare con stile “tracolla” la sola fascia di grado superiore corrispondente all’Ordine Cavalleresco avente maggiore importanza. La fascia di seta, categoricamente indossata partendo dalla spalla destra per farla terminare sul fianco sinistro.
LA ROSETTA – Dal diametro ed altezza variabile, ma anche dai contorni e rilievi, si presenta con i colori tipici dell’Ordine e del nastro che viene applicato alla medaglia ovvero alla croce. Essa viene utilizzata sugli abiti civili e viene applicata sull’occhiello del bavero sinistro come segno distintivo e gli insigniti possono fregiarsi della rosetta stessa anche nella quotidianità, ma anche nello specifico quando in abiti civili partecipano a cerimonie ed inviti ufficiali dove sono presenti personalità ovvero occasioni solenni e gala.
IL NASTRINO – Della misura standard di mm 37 di larghezza x 10 mm di altezza, non sono altro che “quadrati” di nastro di seta applicati su supporti metallici che a loro volta, nel numero massimo di 3, salvo altre disposizioni si applicano sul lato sinistro del petto nello spazio compreso tra il risvolto del bavero, l'attaccatura della manica ed il taschino. Il colore dei nastrini può essere unico (celeste – nero – blu etc..) oppure con più colori abbinati (giallo/blu, bianco/verde, arancio/blu/bianco/rosso/verde etc.). L’inserzione verticale di ogni colore viene denominato tecnicamente “palo”.
La scelta dei colori e numeri di pali, viene ufficialmente decretata da un atto istitutivo dell’organo titolato all’emissione. I nastrini devono essere applicati rigorosamente e come da protocollo su file orizzontali e nel caso in cui il titolato abbia un numero elevato di applicazioni, dovrà predisporre i nastrini su file da 4 – 5 (se miniature), pur sempre rispettando una larghezza totale di mm 140. Altra disposizione, recante l’indosso dei nastrini è l’obbligatorietà di disporre gli stessi su file parallele dal basso verso l’alto in modo che le righe orizzontali scorrano sempre “piene”. Qualora la riga superiore fosse incompleta i nastrini devono essere centrati rispetto ai nastrini sottostanti andando a formare il c.d. “castello”.
ORDINE DI PRECEDENZA DELLE ONOREFICENZE - L’Ordine al Merito della Repubblica Italiana – Nazionale – in ambito del territorio Italiano, ha precedenza su tutti gli altri Ordini Cavallereschi e riconoscimenti. Seguono in modo direttamente proporzionale tutti i titoli, in base alla data della loro istituzione.
La decorazione del Sovrano Militare Ordine di Malta, in forza dell’art. 5 del Regio Decreto ancor datato 14/08/1936 al nr. 1851, tutt’oggi in vigore, prevede l’applicazione immediatamente dopo gli Ordini nazionali e con assoluta precedenza rispetto alle altre decorazioni estere come appresso: 1)Sovrano Militare Ordine di Malta (Ordine dei Cavalieri e Merito Melitense); 2)- Santa Sede (in ordine di importanza: Ordine Piano, Ordine di S. Giorgio, Ordine Equestre di S. Silvestro, Croce Pro Ecclesia et Pontefice, Medaglia Benemerenti); 3)- Ordine Equestre del Santo Sepolcro etc…
OCCASIONI SOLENNI - Cioè nei cerimoniali con partecipazione di rappresentanti diplomatici, nei quali aderiscono, ad esempio i capi di Stato, ma anche SAR, (Sue Altezze Reali) di Gran Maestro di Ordini Cavallereschi e/o di merito, è imposto di indossare l’onorificenza di grado superiore in possesso. In ordine di importanza si conferma dunque, al primo posto la decorazione ottenuta dallo stato ospite ovvero ospitante.
(di Rino Berardi - del 2010-04-13) articolo visto 7713 volte
sponsor