L'Opinionista Giornale Online - Notizie del giorno in tempo reale
Aggiornato a:
 

ORDINE DELLA GIARRETTIERA

le origini, l'organizzazione, i cerimoniali del più antico Ordine Cavalleresco Inglese

PREMESSA - Nel precedente articolo abbiamo parlato e visto nel dettaglio le caratteristiche dell’Ordine della Legion d’Onore Francese. Restiamo in Europa ed “attraversando lo stretto della manica” approdiamo nel Regno Unito. Tratteremo quindi in questo numero dell’Ordine della Giarrettiera che è il più antico Ordine Cavalleresco Inglese. Ordine Dinastico, fondato nell’anno del Signore 1348 per volontà del Re Edoardo III che in parte si ispirò alla cavalleria del medioevo e che riuscì anche attraverso l’Ordine in trattazione, ad instaurare e mantenere ottime relazioni interpersonali e diplomatiche con i vari ranghi della nobiltà.
LE SUE ORIGINI - Sono contornate da fitti misteri (parte dei documenti perduti per sempre a seguito di un rovinoso incendio) ma la tesi maggiormente accreditata è quella che in occasione di un ballo di Gala che ebbe a svolgersi in Francia (non in Inghilterra) alla presenza del Re Eduardo III, la contessa di Salisburgo, avrebbe perso la giarrettiera e lo stesso Re d’Inghilterra trovatosi lì per caso, preso da un forte imbarazzo l’avrebbe immediatamente raccolta ed applicata intorno al polpaccio della contessa, pronunciando la frase “Honni soit qui mal y pense”, motto istitutivo dell’Ordine, che volle ad intendersi: “vergogna a chi ne pensa male”.
Taluno invece tende ad affermare che questo non avvenne mai, in quanto in verità una simile circostanza venne semplicemente inventata ad arte per porre scredito al Re Edoardo III ed all’Ordine appena Istituito. La Regina d’oltre manica, ha la carica di Sovrana dell’Ordine, affiancata dal Principe di Galles ed altri 24 Cavalieri all’uopo nominati.
I MEMBRI DELL’ORDINE - L’organizzazione conta su sei figure preminenti con varie funzioni: Prelato - Cancelliere - Verbalizzante - Maestro d'Araldica - Usciere – Segretario. Il Prelato, il Verbalizzante e l'Usciere esistono dalla fondazione dell’Ordine. Lo status di Cancelliere ed il Maestro d'Araldica vennero invece introdotti nel tardo XV° secolo. Il Segretario invero, agli inizi del XX secolo. La carica (ufficio) di Prelato spetta al vescovo di Winchester, che come ha sempre voluto la tradizione anglicana è il soggetto pubblico di maggiore influenza. La funzione di Cancelliere invece può essere svolta da qualsiasi membro appartenente all'Ordine della Giarrettiera. Il c.d. verbalizzante è in buona sostanza il rettore del Castello di Windsor. Resta da comprendere chi sia il Maestro d'Araldica. Egli è un’autorità vera e propria, in quanto è preposto di conservare ed aggiornare tutti gli stemmi e gli Ordini cavallereschi britannici.
Il segretario, come poc’anzi anticipato riconosciuto nel XX secolo ha l’incarico di gestire i protocolli dei cerimoniali, sui generis è un profondo conoscitore della materia. In ultimo, ma non certo di minore importanza identifichiamo l’usciere che normalmente è un questore della camera dei Lord; (per l’Ordinamento Britannico, vi è una sostanziale differenza rispetto a quello Italiano) che era anche fino al 2005, Ministro di Giustizia e Primo Giudice del Regno, compito surclassato a favore della Corte Suprema per le funzioni giudiziarie.
NOMINE AUTOREVOLI - I cavalieri dell’Ordine vengono nominati dal Sovrano, attualmente dalla Regina, che decreta personalmente l’ingresso nell’Ordine, valutati ovviamente i servigi resi alla Corona e la riconoscenza dell’alto contribuito che un singolo ha potuto rendere allo Stato. Autorevoli personalità del mondo politico ed economico, hanno ottenuto l’eccellente carica onorifica, tra essi si annoverano: “Sir Winston Churchill” e l’ex Primo Ministro Lady Thatcher (Lady di ferro) a cui gli è stata attribuita la carica di Dama dell’Ordine, ma anche Sua Maestà Imperiale Akihito Imperatore del Giappone, che è stato nominato Cavaliere della Giarrettiera nel 1998. Re Juan Carlos di Spagna, Re Carl Gustav di Svezia. Un caso particolare, che ha destato non poche polemiche è stata l’attribuzione del titolo cavalleresco all’allora Scia di Persia, in quanto pose legittimo imbarazzo la nomina di una personalità con religione diversa da quella Istitutiva.
AMMISSIONE DELLE DONNE NELL’ORDINE - Dal 1987 Sua Maestà la Regina ha autorizzato l’ingresso nell’ Ordine anche alle donne alla stregua della classe maschile e con medesimi privilegi. L’anno 1990 ha decretato l’ufficialità come primo ingresso alla Duchessa Lavinia di Norfolk. Questa nomina ha seguito nel 1995 la nomina formale dell'ex primo ministro britannico Margharet Thatcher;
IL PATRONO, SEGNI DI DISTINZIONE E CERIMONIALI - Il Patrono dell’Ordine della Giarrettiera è San Giorgio, ed il giorno 23 aprile di ogni anno, si procede al c.d. ringraziamento che ha luogo presso il Castello di Windsor. Per la cerimonia solenne, i cavalieri indossano la “divisa” dell’ordine che è dotata di un mantello di colore Blu nautico di velluto (originariamente era di lana e di colore viola), su cui vi è cucita la Croce di San Giorgio sulla spalla sinistra. Ulteriore accessorio abbinato è il cappello, anch’esso di velluto ed arricchito da piume bianche. Gli insigniti portano appeso un collare formato da nodi d’oro che si vanno ad alternare a medaglioni smaltati. La medaglia, appesa al centro riporta San Giorgio a bordo di un cavallo che uccide un drago, calpestandolo. Altro ed ultimo accessorio è la c.d. Giarrettiera inserita nel polpaccio sinistro dei Cavalieri ed una fascia di velluto con riportato il motto “Honni soit qui mal y pense”.
Nel corso della storia,non pochi sono stati i Cavalieri della Giarrettiera degradati o meglio espulsi per reati (al tempo comuni) di eresia e di vigliaccheria. In linea principale motivazioni che hanno potuto portare all’espulsione (dati non certificabili) sono stati il tradimento contro il Sovrano. Parallelamente (ma solo per alcuni casi) il conferimento per questa Onorificenza è stata anche rifiutata (caso Churchill del 1945) che tuttavia Sir Churchill nel 1953 ne accettò l’ammissione e relativo conferimento.
(di Rino Berardi - del 2010-04-27) articolo visto 6061 volte
sponsor