L'Opinionista Giornale Online - Notizie del giorno in tempo reale
Aggiornato a:
 

NUCLEARE : QUALE IL LATO POSITIVO?

dal funzionamento di una centale nucleare, ai vantaggi economici, alle prospettive e dubbi per il futuro...

Era il 28 aprile 1986 quando in seguito ad errori da parte del personale e di manutenzione , la centrale nucleare di ?ernobyl provocò un 'esplosione che diramò una nube radioattiva 3 volte più pericolosa di quella delle bombe atomiche di Hiroshima e Nagasaki. Questa nube radioattiva si spostò in tutta Europa fino al Mediterraneo e i suoi effetti catastrofici sulle persone si riscontrano tutt’ora nell’area circostante alla centrale, nonostante siano passati decenni.
Dopo questa catastrofe, il mondo si cominciò ad interrogare sull’utilizzo e la costruzione di centrali nucleari e più in generale sullo sfruttamento dell’energia nucleare. Quasi tutti i paesi d’Europa scelsero di continuare su questa strada, sicuri che errori umani non ve ne sarebbero stati. L’Italia mise la decisione nelle mani dei cittadini che con un referendum decisero di bocciare il nucleare, ma adesso a distanza di poco più di venti anni sta tornando sui suoi passi.
Ma allora bisogna chiedersi: se dopo quello che è successo quasi tutti gli stati non hanno mai abbandonato questa forma di energia, vuol dire che questa garantisce dei vantaggi difficili da ottenere in altri modi. Noi cercheremo di analizzare questi ponendo l’accento soprattutto sul risparmio che si può ottenere utilizzandola e sul basso impatto ecologico che essa ha(se non esplode).
COME FUNZIONA UNA CENTRALE NUCLEARE - Nelle centrali nucleari l'energia scaturisce dal bombardamento dell'uranio con neutroni. Il nucleo dell'uranio si divide in due nuclei più piccoli tramite un processo detto di fissione nucleare durante il quale si genera energia e altri neutroni che, a loro volta, continueranno a far dividere i nuclei di uranio dando luogo alla famosa reazione a catena nucleare. La materia prima per l’energia nucleare quindi è l’uranio, che anche utilizzato in piccola dose produce ingenti quantità di energia, a differenza del carbone e del petrolio, e soprattutto senza emettere anidride carbonica che è la principale causa dell’effetto serra. L’uranio è un metallo che si trova in natura con la caratteristica della radioattività. Esso si ricava per estrazione ma non ci sono stime ufficiali sulle quantità di uranio estratto in quanto questi dati sono coperti da segreto militare o segreto di stato.
NUCLEARE OVVERO VANTAGGI ECONOMICI - L’energia nucleare è vantaggiosa per gli stati che decidono di adottarla a prescindere dalle motivazioni di risparmio energetico e di tipo ecologico. Il nucleare è vantaggioso in quanto libera uno stato dalla dipendenza dal petrolio e quindi dai paesi estrattori. Con esso uno si soddisfa il fabbisogno energetico interno e quindi può diminuire il peso da mettere sulla bilancia dei pagamenti con l’estero. I vantaggi sono anche di tipo politico infatti sappiamo tutti che in ogni guerra che si rispetti l’obbiettivo deve essere l’esportazione di democrazia e l’importazione di petrolio. I paesi che stanno lavorando sul nucleare, o meglio sulle armi nucleari, cominciano però a preoccupare la comunità internazionale.
NUCLEARE OVVERO ENERGIA SOSTENIBILE - Fino a qualche anno fa l’energia nucleare veniva considerata fonte rinnovabile. Solo recentemente la commissione europea si è espressa affermando che il nucleare non può essere considerato rinnovabile. Fatto è che i quantitativi di Uranio presenti sul nostro pianeta sono sufficienti per garantire l’utilizzo del nucleare per tempi lunghissimi cosa che invece non sarà per il petrolio che quanto prima dovrà essere sostituito essendo in esaurimento.
Tutti sappiamo che il prezzo Kw/h dell’energia prodotta da nucleare è ancora poco competitivo rispetto a carbone e gas ma va detto che l’impatto ambientale di queste fonti energetiche , la loro esauribilità e soprattutto il loro legame con questioni di politica internazionale, fanno si che molto probabilmente arriveremo al punto che il nucleare converrà rispetto alle sue concorrenti anche perché con l’avanzamento tecnologico e la costruzione di centrali di terza e di quarta generazione si riuscirà ridurre i costi di gestione delle centrali e soprattutto ad allungarne la vita.
COSA ASPETTARSI DAL FUTURO - Abbiamo cercato di valutare gli aspetti positivi del nucleare, una forma di energia pulita ,che presenta però il grave problema delle scorie radioattive per il quale si cercano soluzioni .Secondo le associazioni ambientaliste in realtà non sarebbe possibile gestire i rifiuti nucleari ,ma ,come ha ribadito in ottobre GreenPeace a Bruxelles davanti la sede del Parlamento Europeo con una manifestazione ,l'unica soluzione sarebbe non produrli. Dal futuro però ci si aspetta sempre di meglio e cosi come nei confronti di carbone, gas e petrolio il nucleare può sembrare un miglioramento, si auspica che lo sviluppo delle energie rinnovabili (solare, eolico e biomasse) ci proietti verso qualcosa di ancora migliore per noi e per il nostro pianeta.
(di Francesco Creato - del 2010-11-14) articolo visto 13997 volte
sponsor