L'Opinionista Giornale Online - Notizie del giorno in tempo reale
Aggiornato a:
 

SPECIALE UNITA’ D’ITALIA, DAL RISORGIMENTO AL REGNO D’ITALIA LE MEDAGLIE COMMEMORATIVE (2°PARTE)

PREMESSO - Continua l’inserto speciale, sui sistemi premiali riconosciuti per l’Unità d’Italia. Ci soffermiamo ancora sul Regio Decreto 2174 dell’anno 1865 a firma da Re Vittorio Emanuele, che riconobbe le gesta ed i meriti sostenuti nella II^ guerra d’Indipendenza. Guerra che si concluse con la tragedia umana della battaglia di Solferino e San Martino, combattuta tra l’esercito Franco Piemontese e gli austriaci. In quella data, ed in quei campi di battaglia, si intrecciò anche una vicenda assai importante, tra migliaia di morti e feriti, nacque da un’idea di Henry Dunant, mercante svizzero, la nascita della Croce Rossa. Un’organizzazione Internazionale che è titolare di un importante sistema onorifico che però andremo a considerare con dovuta accuratezza successivamente.
AI PRODI CUI FU DUCE GARIBALDI - Ma tornando alle c.d. “commemorative”, definiamo ora alcuni aspetti che riguardano la famosissima campagna per la liberazione dell’Italia meridionale, nota a tutti come “Spedizione dei Mille”. Proprio in riferimento a questa straordinaria impresa, venne istituita il 24 ottobre 1861 la “Medaglia Commemorativa dei Mille di Marsala”, destinata ai diretti coinvolti della spedizione in modo autonomo da parte del Comune di Palermo con il seguente motto “Ai Prodi Cui Fu Duce Garibaldi”.
Onorificenza emanata da un Ente locale, che anticipò di qualche anno l’ulteriore riconoscimento da parte del Regno d’Italia, che attribuì ai partecipanti alla missione, una pensione vitalizia disposta con Regio Decreto datato 1865.
I motivi verosimilmente, sono da ricercare nel periodo storico particolare in cui riversava l’Italia appena costituitasi. Un quadro amministrativo e giuridico assai labile, basti pensare che nonostante fosse già avvenuta la formale unificazione dell’Italia da Nord a Sud, tantissimi erano ancora gli aspetti giuridici e burocratici da regolarizzare tra questi anche la titolarità ad emettere decreti di conferimento come la medaglia di cui in parola. Il nastro di questa onorificenza era costituita da 3 pali di cui due laterali in colore giallo ed uno centrale di colore rosso.
(di Rino Berardi - del 2011-07-07) articolo visto 2004 volte
sponsor