L'Opinionista Giornale Online - Notizie del giorno in tempo reale
Aggiornato a:
 

VALENTINO GARAVANI: ARTISTRY OF FASHION 2011

A Valentino Garavani l’Oscar della Moda, il Made in Italy celebrato dal premio CFDA Awards 2011

Il prossimo 7 settembre 2011 lo stilista italiano Valentino Garavani riceverà a New York l’ambitissimo CFDA Awards 2011, l’Oscar della Moda, assegnato ogni anno dal Council of Fashion Designers of America agli stilisti che più si sono distinti per creatività e merito.
Il Couture Council of The Museum del Fashion Institute of Technology (FIT) ha deciso di rendere omaggio alla carriera di uno dei più influenti couturier della moda con il premio “Artistry of Fashion” che attesta i meriti delle eccellenze in ambito moda.
La serata di gala si terrà (come da tradizione) al Lincoln Center di New York. Lo stilista che da qualche tempo ha lasciato la direzione creativa del suo marchio (e ceduto il testimone della propria maison al duo Maria Grazia Chiuri-Pier Paolo Piccioli), sarà ancora una volta protagonista di un riconoscimento mondiale al suo lavoro, a ridosso di un appuntamento importante. Il premio del Couture Council Award anticiperà infatti l'apertura della fashion week newyorkese che si terrà dall'8 al 15 settembre 2011. E per il Maestro, scelto per lo stile impeccabile e sublime, sarà allestita anche una galleria con i suoi abiti-capolavoro più belli di sempre.
Valentino è forse la casa di moda più importante e conosciuta nel mondo, fondata nel 1957 da Valentino Garavani, (aprì il suo primo atelier in via Condotti) con negozi in tutto in mondo e s?late da sogno. Indubbiamente è il più grande stilista del ’900, de?nito “l’ultimo imperatore della moda”. E’ l’uomo che ha ribattezzato il colore scarlatto con il suo nome. Rosso Valentino. Amore cromatico a prima vista.
Il nome di Valentino rappresenta un'eleganza sofisticata e sconfinata, una femminilità fuori dai canoni che non smette di venire celebrata ed ammirata in tutte le parti del mondo.
L’iconico stile Valentino al servizio della donna e dell'eleganza raffinata lascia un segno indelebile nel jet set: Jakie Kennedy Onassis e Liz Taylor scelgono abiti di Valentino per il loro matrimonio, Farah Diba fugge dall’impero con abiti Valentino in valigia. Poche hanno resistito al fascino dei suoi abiti, sintesi di lusso e grazia modulati con modernità.
Ma Valentino non è solo sogno e moda. Ma anche bontà che tradotta significa beneficenza. Nel 1990 lo stilista fonda con Liz Taylor l’Associazione L.I.F.E per sostenere i bambini affetti da AIDS.
Nel 2008 il regista Matt Tyrnauer gira un film-documentario sulla sua vita dal titolo: "Valentino: The Last Emperor", lavoro che racconta la vita di uno dei più grandi stilisti di sempre, affrontando vari temi e concentrandosi in particolar modo sul rapporto di Valentino con Giancarlo Giammetti, suo compagno nella vita ed anche socio d'affari.
Padrone assoluto del mestiere e della tecnica, Valentino è simbolo di un’impresa imperitura che non vende solo sogni e lusso ma grande artigianato misto a creatività.
La carriera dell' uomo che ha incarnato il concetto di Eleganza targato "Made in Italy" viene celebrato dal premio CFDA Awards 2011. Un percorso iniziato quasi 50 anni fa lasciando dietro di sé un nome che ha fatto la storia. Prende a prestito le parole di Luigi XV e tagliente e beffardo come suo solito, dichiara: "Après moi le deluge".
Valentino da Oscar.
[Photo Jason Schmidt ©. Retrospective, Ara Pacis in Rome Source: NY Times]
(di Rosalba Radica - del 2011-09-06) articolo visto 2914 volte
sponsor