L'Opinionista Giornale Online - Notizie del giorno in tempo reale
Aggiornato a:
 

ORDINI EQUESTRI PONTIFICI “SANTO SEPOLCRO di GERUSALEMME” (1° PARTE)

La premessa, l'iniziale costituzione dei Priorati, il Patriarcato Latino

PREMESSA: L’Ordine Equestre del Santo Sepolcro, appare alla storia nel 1103, con Goffredo da Buglione, capo della Milizia delle crociate in Terra Santa di Gerusalemme. Come la storia narra e testimonia, alle crociate parteciparono individui di ogni estrazione sociale, ma in particolare anche Nobili, che giungevano da ogni dove d’Europa. Ciò comportò il proliferare di nomine di numerosissimi Cavalieri del nuovo Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme.
Titoli onorifici i quali venivano attribuiti ai medesimi se particolarmente distintisi nelle attività in difesa della Terra Santa e del relativo Santo Sepolcro. Tutti erano rispondenti al rispetto dell’obbedienza e povertà, e delle quali esprimevano voto in seno alle regole della dottrina di S. Agostino.
L’INIZIALE COSTITUZIONE DEI PRIORATI - Scelti e nominati sui luoghi degli eventi, i Cavalieri investiti di Autorità, tornarono nelle terre di origine in Europa e grazie ai sovrani regnanti, andarono a costituire i Priorati impegnandosi a sostenere ancora le cause in favore della Terra Santa. Fino al XIII secolo, i vari priorati e relative reggenze, (consegue anche le nomine), venivano sostenute e promosse dal Patriarcato di Gerusalemme.
Ma al termine del secolo in trattazione, i vari Priorati territoriali da un’iniziale protezione dei rispettivi sovrani europei, giunse a totale tutela della Santa Sede, la quale oltre a perorare le già esistenti necessità, consolidò anche la diffusione della fede e della carità. Giungiamo al XIV secolo verosimilmente, i Cavalieri dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, non parteciparono più a nessuna spedizione in Terra Santa.
IL PATRIARCATO LATINO - Il conferimento dei titoli di Cavaliere, per lunghi secoli venne rilasciato solo ed esclusivamente dal Patriarca Latino, condizione questa che però mutò con la nomina del Pontefice Pio IX, che decise di adeguare l’assetto dell’Ordine stesso.
Da quella data infatti, parliamo del 1847 l’Ordine del Santo Sepolcro, transito sotto il controllo della Santa Sede Cattolica Apostolica e Romana. Circa un secolo avvenire, ulteriore e sostanziale cambiamento, portò ad una definitiva collocazione, ed è proprio il caso di ricordarlo, grazie a Papa Giovanni Paolo II, il quale ha riconosciuto all’Ordine stesso, una personalità giuridica e civile propria.
(di Rino Berardi - del 2011-12-20) articolo visto 1845 volte
sponsor