L'Opinionista Giornale Online - Notizie del giorno in tempo reale
Aggiornato a:
 

ORDINI EQUESTRI PONTIFICI “SANTO SEPOLCRO di GERUSALEMME” (2° PARTE)

Le attività dell'ordine, le uniforme e le decorazioni

LE ATTIVITA’ DELL’ORDINE EQUESTRE DEL SANTO SEPOLCRO - L’Ordine aiuta, opera e sviluppa, innumerevoli progetti in Gerusalemme e tutti luoghi Santi coinvolgendo tutto l’apparato del sistema cattolico, mediante una ragguardevole organizzazione che si scinde in una branca laica ed ecclesiale mediante il Vaticano sostenendo quindi il patriarcato di Gerusalemme.
Svolge le attività proprie mediante oblazioni liberali puro volontariato dei fedeli, che grazie alle luogotenenze territorialmente presenti e le rispettive delegazioni rispondono alle esigenze dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme. Il Gran Maestro per Statuto istitutivo e successive modifiche, come dettato da Bolla Pontificia del 1949 a firma di Pio XII, è obbligatoriamente un Cardinale.
In età contemporanea per entrare a far parte dell’ OESSG abbisogna di un appartenente all’ordine stesso. Ma non basta perché i vertici della Delegazione competente, procedono ad una verifica di compatibilità che è dettata da alcune prescrizioni fondamentali. L’aspirante è comunque soggetto anche ad un’applicazione formativa di circa 2 anni, e solo dopo questo periodo iniziale, può eventualmente presentare istanza di ammissione.
È chiaro che il candidato medesimo, deve essere ineccepibile sotto l’aspetto morale e praticante della più vera cristianità. Un impegno di lealtà, regolarità, spiritualità, obbedienza e senza mai escludere le oblazioni in favore della Terra Santa. In definitiva si può affermare che l’OESSG conferisce il titolo cavalleresco non per merito ma perché l’interessato ha prestato un servizio attivo con il sostentamento del patriarcato Latino di Gerusalemme, il quale è interamente sostenuto dagli stessi cavalieri e dame dell’Ordine.
UNIFORME E DECORAZIONI - Da sempre l’uniforme è costituita da un mantello, che per i Cavalieri è di colore bianco a cui vengono abbinati guanti dello stesso colore. Per contro le dame, indossano un mantello di colore nero sul quale per entrambi i casi riportano sulla sinistra al petto, la croce potenziata di Gerusalemme. Essa è smaltata di colore rosso ed è sormontata con un trofeo di tipo militare. Di tanto si trova appeso ad un nastro in seta nera. Variabili possono essere le dimensioni della croce che varia in base al grado.
La placca, come per altri Ordini, evidenzia l’appartenenza alla classe di grand'ufficiale ovvero di cavaliere di gran croce e non in ultimo di Cavaliere di Collare. La placca del Grand' Ufficiale è rappresentata da una stella che costituita da raggi in argento ha al suo interno la croce già descritta e potenziata, di rosso su sfondo bianco, però circondata da una fascia dorata circolare e da una più piccola nera.
È degno di osservazione il collare che per sua particolarità è in metallo smaltato a cui sono caricate ed alternate piastre e medaglioni cui riproducono la croce di Gerusalemme ed il motto dell'Ordine "DEUS LO VULT". Termina con il trofeo militare, che va e porta a sostenere la decorazione contenete la croce potenziata tra fronde di alloro.
(di Rino Berardi - del 2011-12-22) articolo visto 2568 volte
sponsor