L'Opinionista Giornale Online - Notizie del giorno in tempo reale
Aggiornato a:
 

GROUPON, IL "NEW-DEAL" DEL COMMERCIO ONLINE

Quando la forza delle idee rivoluziona il paradigma dell'e-commerce

In principio fu Ebay, una rivoluzione non solo per il commercio online, ma che prometteva di esserlo per il sistema economico in generale. Alla luce dei fatti, forse la bolla Ebay si è un pò ridimensionata, pur avendo tuttora volumi notevoli e soprattutto il merito, non da poco, di aver rivoluzionato il modo di pensare “online”.
Le vere rivoluzioni nel commercio sono quelle che mutano il paradigma, gli schemi in essere per trovarne di nuovi, ed incanalare i consumatori in quella direzione. Nel 2008, il geniale Andrew Mason ebbe una di queste idee rivoluzionarie dando vita a Groupon, nella sua città di Chicago, non rendendosi conto, forse, di aver appena cambiato il paradigma del settore relativo l’e-commerce.
I dati lo confermano, con una crescita nell’ultimo anno del 194% (Groupon è quotata al Nasdaq) non poteva di certo passare inosservata, ed in un recente rapporto di Forbes è stato dimostrato come Groupon sia stata l’azienda con il più veloce tasso di crescita di sempre, più di Google e Amazon.
Da poco arrivato anche in Italia, Groupon si sta imponendo non solo come punto di riferimento per gli amanti degli sconti, ma si sta facendo largo in un settore più ampio e fino ad ora inesplorato, a metà tra lo shopping online e una “guida” per il tempo libero da vivere nella propria città.
Ma qual è stata la vera rivoluzione di Groupon? Innanzitutto non è il consumatore a dover cercare ciò che gli interessa, spaziando tra i vari settori come ad esempio abbigliamento, auto o prodotti per la casa, ma è la Groupon stessa ad inviare giornalmente una lista di offerte ( i cosidetti –Deal-) a prezzi decisamente imbattibili e in base alla città di residenza dell’utente.
Un esempio? Nella mia casella mail di oggi posso scegliere se acquistare dei guanti per l’inverno, un borsone da viaggio, o ancora un corso di inglese ( in una scuola a pochi passi da casa mia) o due giri di pista su una Ferrari testarossa; scorro giù e vedo un Deal su una settimana da trascorrere in Salento, a prezzi improponibili per qualsiasi agenzia di viaggio, o più semplicemente un altro Deal riguardante una cena di pesce in un locale sulla riviera adriatica. Niente male come inizio. Si sceglie quindi il Deal a cui non si vuole rinunciare, si stampa la ricevuta e si va (supponiamo) e consumare la cena di pesce; il ristorante guadagna in visibilità e Groupon incassa la metà della somma spesa per il Deal (in questa caso l’altra metà va al ristoratore). Semplice no?
Certo, verrebbe da chiedersi come mai nessuno ci abbia pensato prima. Ma il merito principale, o perlomeno uno dei principali, è proprio quello di creare un legame stretto tra il consumatore e la propria città; cene, trattamenti di bellezza, corsi di lingua e mille altre cose da oggi possono essere vissute all’interno della propria città, dando l’opportunità, quindi, di viverla in modo diverso, più dinamico e allo stesso tempo economico.

Per capire meglio il fenomeno Groupon abbiamo intervistato i vertici dell’ufficio milanese di Corso Buenos Aires, sede Groupon Italia, per farci spiegare dove vuole arrivare questa nuova realtà:

Groupon: un semplice sito dove fare buoni affari, o una vera e propria “guida” per vivere al meglio la propria città?
R - Groupon è leader mondiale dei gruppi di acquisto geolocalizzati online e offre ogni giorno sconti straordinari sulle migliori cose da fare, mangiare, vedere e comprare nelle principali città del mondo. Non è un semplice sito, ma una rivoluzione del metodo di acquisto e della tipologia di consumi della società moderna, regala agli utenti nuove esperienze a prezzi straordinari, diventando una vera e propria guida per la propria città. La forza del gruppo di acquisto permette a Groupon di offrire sconti introvabili per scoprire la città e vivere ogni giorno nuove esperienze: cene, aperitivi, trattamenti estetici e medicali, cure per il corpo, ma anche corsi di cucina, lezioni di fitness, weekend fuori città, eventi sportivi e culturali. Ora il lusso è diventato più accessibile e ognuno di noi può far cose che prima difficilmente poteva fare o permettersi, come giri in mongolfiera, provare l’adrenalina degli sport estremi o di un giro in Ferrari, fare trattamenti di bellezza specifici e potersi coccolare anche ogni settimana, vivere al meglio la propria città o conoscere nuovi luoghi d’Italia con un romantico weekend con Groupon.

Pensate di aver “rivoluzionato” il settore dell’ e-commerce?
R - Groupon ha sicuramente rivoluzionato il mercato ed offerto nuove possibilità ai clienti, ai giovani e alle piccole medie imprese. Groupon collabora con migliaia di aziende locali che ogni giorno scelgono la rete per ottenere enorme visibilità sul target locale, per farsi conoscere da nuovi potenziali clienti e rafforzare così l’attività imprenditoriale.

Qual è il vantaggio competitivo di Groupon rispetto agli altri concorrenti nel settore?
R - Groupon ha fondato questo rivoluzionario modello di business a Chicago nel 2008 grazie all’idea geniale di Andrew Mason. Chiaramente molti sono i competitor che ne hanno copiato l’idea, viviamo in un mercato libero e sempre più competitivo. Groupon è l’originale e gode di un background internazionale che ci permette di offrire ogni giorno i migliori deal in 45 Paesi del mondo.

Recentemente sono stati segnalati problemi dovuti alla logistica delle spedizioni; come avete risolto il problema?
R - Il canale shopping è nato di recente ottenendo fin da subito un grande successo. Abbiamo registrato alcuni problemi nella spedizione dei prodotti anche a causa della rete distributiva italiana che non è particolarmente forte e strutturata. L’importante però è sempre reagire e migliorare; abbiamo infatti centralizzato il servizio di distribuzione scegliendo Bartolini come unico distributore ufficiale, in modo da poter controllare e assicurare le tempistiche di consegna.

Questi problemi sono sorti in seguito all’enorme successo, forse inaspettato, del vostro sito?
R - Sicuramente si, ma non era un successo inaspettato. Groupon funziona ovunque nel mondo perché mette in relazione i bisogni degli utenti con le esigenze degli esercenti. Senza dubbio è fondamentale anche per la nostra Azienda lavorare sui margini di miglioramento del nostro servizio.

Ritenete il settore dell’ e-commerce “classico”, in puro stile Ebay, destinato a scomparire nel tempo a vantaggio di siti come il vostro?
Il mondo dell’e-commerce è ampio; in rete trovano spazio differenti modelli di business che per velocità, freschezza e innovazione, godono di grandissimo successo. Indubbiamente la rete è ormai una vetrina fondamentale indispensabile per chi vuole essere presente sul mercato. Siamo curiosi di vedere cosa succederà; la competizione stimola le idee e spinge al miglioramento.
(di Claudio Tuteri - del 2012-03-27) articolo visto 5214 volte
sponsor