L'Opinionista Giornale Online - Notizie del giorno in tempo reale
Aggiornato a:
 

GIORGIO ARMANI PROGETTO UOMO

Milano Moda Uomo: Giorgio Armani presenta un'immagine maschile precisa, con un total look che ha il suo focus nell'essenziale

Torna puntuale Milano Moda Uomo, appuntamento internazionale nel centro città dal 12 gennaio al 16 gennaio 2013. Tutte le novità Autunno Inverno 2013/2014 della moda si trasferiscono da Firenze (dove si è conclusa l’edizione invernale di Pitti Uomo) al capoluogo meneghino e scendono in passerella le grandi Maison di lusso della moda maschile.
Eterna Eleganza per Giorgio Armani – uno dei grandi nomi del Made in Italy – che ha portato sotto i riflettori un uomo caparbio ostentando uno stile sempre impeccabile.
Un’eleganza sobria, senza orpelli. L’atmosfera è quella di Giorgio Armani, di una maturità che non ha bisogno di facili trovate ad effetto. L’obiettivo unico è di uno “sportswear” di lusso, che sa inglobare le tecniche di assemblaggio dei capi più all’avanguardia, all’interno di una collezione che esige rigore (senza altre speculazioni escatologiche).
L'uomo Armani ha un’immagine precisa. Uno styling essenziale che disegna una linea definita da capospalla con volumi ampi e pantaloni asciutti. Un contrasto stilistico che caratterizza la silhouette dell’uomo della prossima stagione invernale.
Le superfici sono a sottolineare la preziosità di una collezione in cui la ricerca artigianale si manifesta nello studio dei materiali. Lo sportswear entra in una fase progettuale nuova nella quale il concetto di lusso mette in risalto il pregio dei materiali (tessuti nobili come cashmere, mohair, velluti, suède) assemblati e trattati tra di loro in maniera pienamente innovativa e la funzione d’uso dei capi. Come nella pelle, qualificata da processi artigianali che si rifanno alla grande scuola delle concerie italiane.
Morbidezza dei tessuti e perfette rifiniture dei dettagli. È su questo che insiste l’intera collezione strizzando l’occhio ad un uomo dal fascino dandy. “Re Giorgio” tiene a precisare: ‘Non si tratta di dandismo e nemmeno di glamour. È più il desiderio di vestire giovani e meno con tanti bei pezzi, da interpretare a proprio uso e secondo il proprio fisico’.
Una collezione accuratamente composita, ora casual, ora formale ammorbidita dal gioco degli accessori. Difficilissimo non riportare il lusso di cappotti e trench sontuosamente foderati di pelliccia – un must have per la prossima stagione fredda – dei colli scultorei e particolari (sempre di pelo), degli “ensemble” di gessato grigio ultra-eleganti ed ancora dei pantaloni rosso rubino (un colore che torna più volte) di taglio impudentemente sportivo.
Gli accessori completano l'outfit ed ecco cravatte in seta abbinate a abiti sartoriali, borse ampie e maxi clutch maschili in pelle martellata che dettano le regole delle nuove bags di casa Armani. L'evoluzione approda anche sulle calzature – innovative e ricercate in perfetto stile Armani – precisandosi su materiali e lavorazioni che riprendono quelle dell'abbigliamento.
Amore per la qualità dei tessuti, per il velluto più di tutto – materiale di punta dell’intera collezione – declinato per realizzare giacche e cappotti, ma anche pantaloni da avvalersi sotto giacche formali (quasi a volerle minimizzare). Ricercata, la maglieria offre pesi leggeri che si alternano a strutture più complesse, intrecciando cashmere e mohair.
La piramide cromatica racconta lo speciale codice Armani, composto da sfumature consolidate come i grigi e i toni del marrone che cedono il passo al nero assoluto. Tonalità rubino come nuance essenziale, aristocratica e preziosa percorre l’intera collezione maschile seguendo un “fil rouge” narrativo. Tutto è stato formulato nel perfetto stile della prima linea di Giorgio Armani.
Credits: © Courtesy of Giorgio Armani Press Office
(di Rosalba Radica - del 2013-01-30) articolo visto 2440 volte
sponsor