Banche, Brunetta: “Forza Italia vuole collaborare, ma con rispetto e lealtà”

ROMA – Renato Brunetta (Forza Italia) risponde all’onorevole Giorgia Meloni sulla questione delle banche: “Da sempre nutro stima e affetto nei suoi confronti, ma non è che per il fatto che la brava leader di Fratelli d’Italia predisponga, senza concordarli, emendamenti al regolamento proposto dall’Ufficio di presidenza della Commissione parlamentare d’inchiesta sulle banche, questi debbano essere per forza da me e da Forza Italia condivisi. Non mi pare che in tutti questi anni di opposizione il partito della Meloni si sia fatto il minimo scrupolo di portare avanti battaglie, senza chiedere o cercare convergenze con i partner del centrodestra”.

Brunetta, dunque, ricorda “all’amica Giorgia” che la Commissione parlamentare d’inchiesta sulle banche “l’ho chiesta io per primo, quasi tre anni fa, e che sugli argomenti che tratteremo ci ho scritto quattro libri, denunciando l’imbroglio dello spread e quanto accaduto dal colpo di Stato del 2011 ad oggi”.

In questi anni, incalza Brunetta, “ho portato avanti le idee mie e del mio partito in Parlamento e fuori, attraverso la presentazione di un’infinità di atti di sindacato ispettivo a supporto dei risparmiatori truffati. Con un unico obiettivo: la verità, dalla parte dei cittadini italiani. Per tutte queste ragioni chiedo all’amica Meloni rispetto e, semmai, leale collaborazione politica. Il centrodestra unito di governo si costruisce proprio a partire da queste attitudini: lealtà e collaborazione. Pur, a volte, con opinioni diverse. Io voglio solo che la Commissione d’inchiesta non perda tempo e lavori presto e bene”.