Taranto, sequestrati 300 chilogrammi di sigarette di contrabbando

Taranto, sequestro sigarette di contrabbando
Taranto, sequestro sigarette di contrabbando

Erano nascoste all’interno di due autovetture, arrestati i due responsabili

TARANTO – Militari del Gruppo di Taranto hanno tratto in arresto il 50enne C.A. di Montemesola ed il 49enne tarantino B.A., intenti a trasportare 300 chilogrammi di sigarette di contrabbando.

L’attività rientra in un più ampio contesto operativo finalizzato al contrasto dei traffici illeciti, nell’ambito del quale vengono monitorati i tratti stradali ed autostradali di collegamento con le Regioni limitrofe a quella pugliese.

Nella giornata di ieri, due pattuglie delle Fiamme Gialle fermavano per un controllo due autovetture che procedevano a forte velocità sulla S.S. 407 Basentana, tra gli svincoli dei Comuni di Ferrandina e Pisticci (MT).

All’”ALT” dei Finanzieri, una delle due vetture, dopo aver arrestato la marcia ed accostato al ciglio stradale, improvvisamente ripartiva dandosi a precipitosa fuga. Ne scaturiva un inseguimento che aveva termine dopo qualche chilometro, allorqando, dopo una serie di pericolose manovre, il fuggitivo veniva bloccato dai militari.

All’interno delle due autovetture venivano rinvenuti complessivamente 300 chilogrammi di sigarette di marca “Regina” sprovvisti del sigillo dei Monopoli di Stato.

I due responsabili sono stati pertanto tratti in arresto per il reato di contrabbando di tabacchi lavorati esteri ed associati alla Casa Circondariale di Matera, mentre i quantitativi di t.l.e. sono stati sottoposti a sequestro.