Bellanova: “Ridurre quanto più possibile lo spreco alimentare”

187

LECCE – “Ridurre quanto più possibile lo spreco alimentare, fino ad arrivare a spreco zero, non è solo un atto di elementare buon senso. Significa considerare il diritto al cibo un imperativo categorico, rispondere alle fragilità alimentari, costruire azioni e destinare risorse per intervenire su tutte le criticità che dal campo alla tavola producono spreco e si traducono in squilibri ambientali, sociali, economici, nutrizionali. E sostenere progetti come la piattaforma #stopallospreco illustrata oggi dall’Emporio della solidarietà nel corso della presentazione del Bilancio sociale che confermano questa realtà un punto di riferimento importante nel territorio a sostegno delle fragilità sociali ed economiche”.

Così la vice ministra alle infrastrutture Teresa Bellanova, che ha partecipato stamane a Lecce all’iniziativa dell’Emporio, “apprezzando i risultati del progetto realizzato nel 2020 grazie ai fondi di un Bando Mipaaf finalizzato a progetti innovativi per la limitazione degli sprechi e l’impiego delle eccedente alimentari, nell’alveo della Legge Gadda che resta tuttora più avanzata a livello europeo per contrastare lo spreco alimentare e attivare economia circolare”.

“D’altra parte – aggiunge Bellanova – era proprio questo lo spirito con cui abbiamo lavorato al Mipaaf creando il Fondo nazionale per l’emergenza alimentare e portandolo a 340 milioni di risorse complessive, con la costruzione di un’offerta dove fossero presenti i nostri prodotti agroalimentari d’eccellenza. Adesso quell’esperienza va portata avanti. Io avevo indicato un obiettivo preciso: rafforzare il Fondo portando la dotazione a 1 miliardo. Ritengo che bisogna fare di tutto perché accada”.