Bocciato il ddl Zan, Bonaccini: “Una brutta pagina politica”

14

BOLOGNA – “Il voto al Senato sul ddl Zan è una brutta pagina politica. Sbaglia la destra ad esultare, perché conferma di avere una visione premoderna dei diritti, che discrimina le persone in base all’orientamento sessuale. E sbaglia ancor più chi, nascondendosi dietro a un voto segreto, affossa un provvedimento di civiltà senza assumersene la responsabilità davanti ai cittadini”.

Lo afferma su Facebook Stefano Bonaccini (foto), presidente della Regione Emilia-Romagna ed esponente del Partito Democratico, aggiungendo: “La società è certamente più avanti della politica su questi temi. E una politica che voglia migliorare la società dovrebbe anzitutto migliorare se stessa”.