Bonaccini: “Nessuno in Italia auspica una crisi di governo”

15

BOLOGNA – “Salvini pensa più ai voti che agli italiani. Nessuno in Italia auspica una crisi di governo. Lascerei a Salvini queste tattiche, visto che non portano consenso nemmeno a lui”. Così il presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini (foto), in un’intervista a “La Stampa” che è stata pubblicata ieri.

A Bonaccini non “interessano i sondaggi. Completare la campagna vaccinale e fermare il Covid, rimettere in sicurezza il sistema sanitario e la scuola, così come l’economia, il turismo, il commercio, la cultura, creando occupazione di qualità, per tornare a una piena socialità. E spendere presto e bene i soldi che l’Europa ci ha accordato. Sono queste le priorità, e il lavoro del governo Draghi è il nostro lavoro. Alla fine sarà più forte il partito che più seriamente avrà sostenuto questo sforzo, non chi avrà rincorso la Meloni”.

Se le amministrative andranno male per la Lega, il governo poi rischierebbe? “In queste settimane di campagna elettorale non ho incontrato una sola persona o un solo sindaco, di qualsiasi colore politico, che auspichi una crisi di governo. O incontro solo donne e uomini fuori dal mondo o è una certa politica che rischia di rimanere fuori dalla realtà, scollegata dalla vita di tutti i giorni”.