Borsellino, Grasso: “Un servitore dello Stato che voleva solo fare il suo dovere”

19

PALERMO – “Borsellino è sopravvissuto solo 57 giorni a Falcone. Sapeva che sarebbe stato ucciso, lo sapeva da molti anni: scherzava con Giovanni, “fino a che tu sei vivo non ho nulla di cui preoccuparmi”. Poi la strage di Capaci del maggio 92: la corsa contro il tempo per cercare la verità sulla morte dell’amico, la fretta di prepararsi spiritualmente al suo destino, i tentativi di evitare di coinvolgere la scorta. Il 19 luglio 1992 un’autobomba piazzata in via D’Amelio uccise lui e quasi tutta la sua scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Fa ancora rabbia sapere che lo Stato non ha saputo e voluto proteggere Paolo fino in fondo”.

Così l’ex presidente del Senato Pietro Grasso, che aggiunge: “Cosa rimane trent’anni dopo di quel terribile giorno d’estate? Rimane una insopprimibile sete di verità. Sappiamo che sulla strage di via D’Amelio è stato commesso un gravissimo depistaggio. Molte verità sono state accertate grazie a chi non ha smesso di volere giustizia: e noi, costi quel che costi, dobbiamo pretenderla. Trent’anni dopo rimane anche la mafia: una mafia invisibile e non più sanguinaria ma capace di avvelenare le nostre terre, la nostra economia, la nostra società. Rimane, infine, l’esempio di Paolo Borsellino: un servitore dello Stato che non aveva alcuna intenzione di essere un eroe ma solo di fare il suo dovere. E noi, tutti noi, dobbiamo provare ogni giorno a fare il nostro”, conclude Grasso.