Brunetta ai saluti: “Si chiude una pagina nobile per l’Italia, che sono onorato di aver contribuito a scrivere”

22

ROMA – “Oggi si chiude una pagina nobile per l’Italia, che sono onorato di aver contribuito a scrivere: con Mario Draghi e il suo governo abbiamo dimostrato che cambiare si può, che questo nostro bellissimo Paese ha le risorse e le capacità per affrontare ogni crisi, per fare le riforme, per contare in Europa e nel mondo. È questa l’eredità più importante che lasciamo a Giorgia Meloni e alla sua squadra: la dimostrazione che il cambiamento è possibile, che l’Italia può essere un partner autorevole e affidabile, un modello”.

Lo scrive sui suoi canali social l’ormai ex ministro della pubblica amministrazione, Renato Brunetta, aggiungendo: “Le sfide che il governo Meloni dovrà affrontare sono tante e complesse, a partire dalla guerra e dall’energia. La strada tracciata dall’esecutivo Draghi – che ha saputo tenere saldo il nostro ancoraggio euroatlantico in nome della difesa della pace, della libertà e della democrazia – è quella giusta. Che lo spirito repubblicano continui ad accompagnare anche il nuovo governo. Buon lavoro, viva l’Italia”.

Brunetta fa anche le sue “congratulazioni a Paolo Zangrillo, mio successore alla Pubblica amministrazione. Mi auguro che porti avanti l’investimento pieno e convinto sui ‘volti della Repubblica’: i giovani talenti, la valorizzazione del merito e delle competenze, il rafforzamento degli enti locali, le buone relazioni sindacali, i tanti ‘strappi’ che abbiamo realizzato per dotare il Paese di una macchina amministrativa più forte, più efficiente, più capace di offrire servizi di qualità a cittadini e imprese. Sono certo che saprà fare bene”.