Cgil: ‘Ascoltate il lavoro’, in piazza con dieci proposte

13

Maurizio LandiniROMA – La Cgil scende in piazza a Roma, ad un anno dall’assalto alla sede nazionale di corso d’Italia, per la manifestazione nazionale “Italia, Europa ascoltate il lavoro”. Un appello e un programma, con le dieci proposte del sindacato per il Paese, dal tetto alle bollette alla tutela del potere d’acquisto, dallo stop alla precarietà al fisco. Il corteo, con il segretario generale Maurizio Landini, partirà da piazza della Repubblica (l’appuntamento è per le 13.30) per raggiungere piazza del Popolo, dove intorno alle 16.30 Landini prenderà la parola per le conclusioni. Dal palco anche gli interventi di sindacati internazionali e associazioni.

La Cgil chiede all’Italia e all’Europa di rimettere al centro i temi del lavoro e della giustizia sociale e al prossimo Governo rilancerà l’agenda con le sue dieci proposte. Tra i punti del decalogo: l’aumento di stipendi e pensioni; il superamento della precarietà; l’introduzione del salario minimo legato al trattamento economico complessivo dei contratti nazionali e una legge sulla rappresentanza; una “vera” riforma del fisco, “progressiva e redistributiva” (incidendo anche sugli extraprofitti), con il no alla flat tax; la sicurezza nei luoghi di lavoro; la necessità di garantire e migliorare una misura universale di lotta alla povertà, come il Reddito di cittadinanza; rendere il sistema pensionistico più flessibile superando la legge Fornero; fissare un tetto alle bollette; fare investimenti e un piano per l’autonomia energetica fondato sulle rinnovabili.

In serata, al termine della manifestazione (dalle ore 19 alle 22) è poi prevista l’apertura straordinaria della sede di corso d’Italia, anche con visite guidate. Per l’occasione verrà presentata l’opera restaurata dell’artista Ennio Calabria danneggiata durante l’assalto del 9 ottobre scorso. L’apertura proseguirà domani (dalle ore 9.30 alle 13) e vede in programma una tavola rotonda con, tra gli altri, i segretari generali di Cisl e Uil, Luigi Sbarra e Pierpaolo Bombardieri, e il presidente dell’Anpi, Gianfranco Pagliarulo.