Cgil, tra 20 anni -6,9 milioni di persone in età da lavoro

47

ROMA – Nel 2043 la popolazione in età da lavoro (15-64 anni) sarà inferiore di 6,9 milioni di persone rispetto ad oggi, e salirà il numero degli anziani di 4,8 milioni. Per contrastare “almeno parzialmente” questo fenomeno, l’attuale saldo migratorio dovrebbe aumentare di almeno +150mila persone all’anno.

E’ quanto emerge dall’ultima ricerca realizzata dalla Fondazione Di Vittorio della Cgil, “L’Italia tra questione demografica, occupazionale e migratoria”: “Un calo insostenibile – avverte il presidente della Fdv, Fulvio Fammoni – che se non contrastato con interventi immediati prospetterebbe un futuro di declino cui non ci si può rassegnare”.