Cinema e audiovisivo, Cna: “Revocare lo sciopero, ci impegniamo a trovare soluzioni soddisfacenti per imprese e lavoratori”

99

film pellicole cinemaROMA – Cna Cinema e Audiovisivo esprime forte preoccupazione in merito allo sciopero nazionale dei lavoratori delle troupe coinvolti sui set, nei laboratori, nelle attrezzerie, nelle sale di montaggio e post-produzione, negli uffici amministrativi preannunciato per l’intera giornata di mercoledì 22 marzo. In questo momento in cui il settore è in piena attività, con uno sforzo importante degli imprenditori per garantire la stabilità e lo sviluppo dell’industria italiana in un contesto globale altamente competitivo, lo sciopero creerebbe un grave danno soprattutto alle piccole produzioni indipendenti attive sul territorio nazionale.

CNA Cinema e Audiovisivo esprime inoltre rammarico poiché gli effetti dello sciopero si rifletteranno anche sulle imprese associate per le quali Cna garantisce una interlocuzione sana e costruttiva nei confronti delle organizzazioni sindacali di settore. Auspichiamo pertanto che la decisione possa essere revocata confermando la disponibilità e l’impegno della Confederazione a individuare soluzioni che garantiscano i diritti dei lavoratori e le esigenze delle imprese, come sempre fatto in passato.