Cna: “Per le vacanze agosto sarà un mese effervescente, gli italiani riscoprono l’Italia e aumentano i turisti stranieri”

ROMA – Per le vacanze agosto sarà un mese effervescente. Imprimerà una decisa spinta al settore turistico nazionale e farà crescere il movimento economico grazie all’incremento dei turisti stranieri e soprattutto agli italiani che riscoprono l’Italia. Ovviamente, a meno di condizioni meteo avverse.

A prevederlo è un’indagine condotta dal Centro studi CNA in collaborazione con CNA Turismo e commercio tra le imprese del settore aderenti alla Confederazione.

Crescita record

Dall’indagine risulta che i turisti di agosto ammonteranno complessivamente a 14,6 milioni. Ottocentomila più dello stesso mese del 2017. Una crescita di poco sotto il 5,8%. Una performance tanto più rimarchevole in quanto segue anni segnati da costanti incrementi.

Più italiani, più stranieri

L’aumento dei turisti ad agosto sarà omogeneo. Gli italiani diventeranno 7,6 milioni, 500mila più del 2017 (+7%). Gli stranieri sette milioni, 300mila più del 2017 (+4,2%). Con una media di permanenza di otto notti le presenze degli italiani arriveranno a 61 milioni. Con una media di permanenza di sette notti le presenze degli stranieri saliranno a 49 milioni. Ad agosto il turismo alimenterà un movimento economico di 10,2 miliardi: 5,7 miliardi dagli italiani più 4,5 miliardi dagli stranieri.

Al top mare e città d’arte

La vacanza al mare rimane la preferita dai turisti italiani. Seguita nell’ordine da città d’arte, borghi, montagna, laghi, centri termali. Invertite le preferenze al vertice degli stranieri: in testa ci sono le città d’arte. Alle spalle viene il mare. E poi borghi, laghi, centri termali e montagna. Per un movimento economico di 2,3 miliardi per le città d’arte, di un miliardo per il mare, 700 milioni per i laghi e 500 milioni per la montagna.

Sul podio Sud e Isole

È la Sicilia la meta turistica più ambita da italiani e stranieri. Sul podio l’accompagnano Puglia e Sardegna. Quindi, a completare la top ten: Marche, Emilia Romagna, Toscana, Veneto, Liguria, Lazio, Basilicata.

Pernottamenti alternativi

Il settore extra-alberghiero attira la maggioranza dei turisti d’agosto: il 58% (alloggi in affitto il 32% e di proprietà il 26%) contro il 42% che preferisce alberghi, tradizionali o innovativi che siano, residence, campeggi, agriturismi.

Mi organizzo da solo

Il fai-da-te trionfa nelle modalità di organizzazione delle vacanze. Le prenotazioni tramite siti on line specializzati sono il 42%. Le prenotazioni dirette il 40%. E le agenzie di viaggio si aggiudicano la rimanente fetta del 18%.

Roma regina

È Roma la regina turistica di agosto 2018. A incoronarla il turismo internazionale (e anche nazionale) che sta ricollocando l’Italia in cima all’immaginario mondiale.

Firenze e Venezia le damigelle d’onore

A seguire per completare le “magnifiche dieci”, nell’ordine, Napoli, Milano, Verona, Genova, Torino, Ravenna e Pisa. Le città d’arte hanno anche un effetto traino per il circondario. Roma trascina con sé al successo il litorale laziale e i centri termali. E spiagge e terme vicine sono beneficiate anche dall’appeal di Firenze e Venezia. La Costiera amalfitana ringrazia il buon momento di Napoli e i laghi lombardi il felice post-Expo di Milano.

L’onda arriva su gomma

L’automobile per gli italiani. L’automobile e i bus turistici per gli stranieri. Questi i mezzi preferiti rispettivamente dai turisti nazionali ed esteri. Per gli italiani in vacanza treni, bus turistici, aerei e traghetti sono le opzioni a seguire. Per gli stranieri, invece, sono aerei, treni e navi. Nel nostro Paese i turisti stranieri si muovono con i treni ad alta velocità e gli Intercity, i bus turistici, gli aerei e gli automezzi a noleggio.

Gli escursionisti

Ad agosto 6,3 milioni di italiani si limiteranno a compiere escursioni. Magari perché hanno programmato (o già fatte) ferie in altri periodi dell’anno. Oppure perché non possono o non vogliono andare in vacanza. Rispetto all’anno scorso sono in crescita di 400mila unità (+6,7%). Ma non sono gli unici escursionisti. L’indagine calcola che il 15% dei turisti integrerà abitualmente, e non sporadicamente, la propria vacanza cogliendo l’occasione del soggiorno nelle mete principali (in particolare mare, montagna, laghi, centri termali) per compiere escursioni e visite.

Obiettivi: città d’arte e borghi; mete culturali e religiose (monumenti, siti archeologici, luoghi di culto, preferibilmente durante rievocazioni e feste di devozione); capitali del ricco e vasto giacimento eno-gastronomico italiano (privilegiate in occasioni di sagre ed eventi tradizionali); destinazioni di turismo esperienziale; località termali e centri di benessere in genere; siti naturalistici; sedi di spettacoli e di manifestazioni sportive; outlet e spacci aziendali.

Gli italiani all’estero

La riscoperta delle bellezze nazionali frena le vacanze fuori dai confini degli italiani. Non supereranno il numero di sei milioni (lo stesso dato del 2017) i connazionali che ad agosto si recheranno all’estero per diporto, secondo l’Aiav, l’Associazione degli agenti di viaggio, affiliata a CNA.