Comacchio, sequestrati oltre 3mila tra etichette e accessori contraffatti

43

sequestro merce comacchio

COMACCHIO – I finanzieri della Tenenza di Comacchio, durante le attività di controllo economico del territorio, hanno rinvenuto e sequestrato in due distinte operazioni, 3.200 fra etichette e accessori di abbigliamento contraffatti.

Nel dettaglio, le Fiamme Gialle, nel corso di un primo intervento, hanno sequestrato, ad un cittadino senegalese, 90 borse a marchio Prada, Gucci, e Chanel, tutte contraffatte, che nascondeva nel bagagliaio della propria auto. L’extracomunitario, residente nel bresciano e con regolare permesso di soggiorno, già noto ai finanzieri comacchiesi perché due anni fa’ veniva denunciato per la vendita di prodotti falsi e per ricettazione, è stato nuovamente segnalato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ferrara, per gli stessi reati.

Un secondo carico di merce illegale è stato rinvenuto, abbandonato in sacchi e borsoni, all’interno di una pineta a ridosso della spiaggia libera di Lido delle Nazioni.

Sono oltre 3.000 le etichette ritrovate che riproducono i segni distintivi abilmente contraffatti di noti marchi (Diesel, Burberry, D&G, Peuterey, Blauer, Adidas, Stone Island, Lacoste, Fred Perry, Nike, Moncler, Colmar, Woolrich, Armani, Save The Duck). Fra la mercanzia c’erano anche 30 borse, sempre con i loghi imitati di Prada, Gucci e Chanel.

Secondo una stima, le etichette rinvenute, se applicate sugli accessori e capi di abbigliamento “vergine” prima della loro messa in commercio, avrebbero fruttato sul mercato illegale una cifra che si aggirerebbe attorno ai 100.000 euro.

Il controllo economico del territorio risulta strategico per le attività della Guardia di Finanza, perché è finalizzato a disarticolare l’intera filiera delle merci contraffatte e insicure, intercettando i poli produttivi e commerciali, e a garantire il funzionamento di un mercato equo e libero. Infatti, la produzione e la commercializzazione del falso, oltre a danneggiare l’economia legale, integra una pluralità di condotte illecite, che vanno dal lavoro nero ed irregolare, all’immigrazione clandestina, all’evasione fiscale, al riciclaggio, alla ricettazione e al commercio abusivo, tutti fenomeni che favoriscono l’ingerenza della criminalità.

Le operazioni anticontraffazione svolte dalle Fiamme Gialle comacchiesi, che nel periodo di ferragosto possono contare sul rinforzo di 10 allievi marescialli del 91° Corso “Cefalonia II” provenienti dalla Scuola Ispettori e Sovrintendenti della Guardia di Finanza de L’Aquila, si inseriscono nel più ampio contesto delle attività di prevenzione e contrasto dei traffici illeciti disposte dal Comando Generale del Corpo, nonché anche al mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica sui Lidi Comacchiesi ed in mare, sotto la regia della Prefettura di Ferrara.