Consiglio Agricoltura della UE, si parlerà anche di riso

riso

Giansanti Confagricolture: “Attivare procedure contro le importazioni di Japonica a dazio zero da Myanmar”

BRUXELLES – Si discuterà anche di riso nel corso del Consiglio Agricoltura della UE, in programma oggi a Bruxelles. Su richiesta della delegazione italiana, rende noto Confagricoltura, sarà fatto il punto sull’eccezionale aumento delle importazioni di riso Japonica a dazio zero da Myanmar.

“Ringrazio il ministro Centinaio e la nostra Rappresentanza presso la Ue, per aver dato un concreto seguito all’allarme che abbiamo lanciato nei giorni scorsi – ha dichiarato il presidente della Confagricoltura, Massimiliano Giansanti.

“Da gennaio fino allo scorso mese di giugno – ha aggiunto – le importazioni da Myanmar sono ammontate a 60 mila tonnellate, con un aumento del 140 per cento rispetto allo stesso periodo del 2018”.

“Con questo trend – ha proseguito il presidente della Confagricoltura – rischiamo di compromettere il riequilibrio di mercato a vantaggio dei nostri risicoltori, dopo i pesanti contraccolpi provocati dalle importazioni di riso Indica da Cambogia e Myanmar, per le quali è scattata la clausola di salvaguardia”.

“Considerate le concessioni fatte dalla Ue nel quadro degli accordi bilaterali con Vietnam e Mercosur, chiediamo che vengano attivate tutte le iniziative possibili per dare una sicura prospettiva alla risicoltura italiana e europea”, ha sottolineato Giansanti.

Tre le richieste che la delegazione italiana sottopone alla Commissione europea. Un controllo rigoroso sulle importazioni presso i punti di arrivo; una valutazione sull’impatto a carico del mercato europeo e l’attivazione della procedura per reintrodurre i dazi ordinari.

“Condividiamo in pieno queste richieste. Da parte nostra, abbiamo provveduto a sensibilizzare la Commissione sui problemi del settore risicolo in vista di una soluzione strutturale”, ha concluso Giansanti.