Conte: “La diplomazia ci insegna che i negoziati devono essere portati avanti con perseveranza e determinazione”

24

ROMA – “La diplomazia ci insegna che i negoziati devono essere portati avanti con perseveranza e determinazione. Non può esserci un tempo per la diplomazia e uno per la guerra: l’impegno per la pace deve essere massimo e costante”. E ancora: “Dopo tre invii di armi possiamo dire che l’Italia anche su questo fronte ha fornito il suo contributo. Altri Paesi peraltro stanno continuando ad armare in abbondanza l’Ucraina. Dopo tre mesi di guerra, l’Italia deve caratterizzarsi per una svolta diplomatica intensa e decisa, coinvolgendo gli altri Paesi dell’Unione Europea. Dobbiamo evitare un’escalation militare dagli effetti incontrollabili”.

Questi alcuni dei temi toccati da Giuseppe Conte nell’intervista che il leader del M5S ha rilasciato a “El Pais”. “Il popolo spagnolo e quello italiano – aggiunge Conte – hanno grandi affinità e hanno dimostrato un’enorme capacità di collaborazione durante la fase più dura della pandemia. Il Presidente Sánchez è un alleato prezioso per l’Italia. Oggi la Spagna lavora con lungimiranza alla transizione ecologica, a nuove politiche del lavoro e all’inclusione sociale. Non cadiamo nell’illusione di un rapporto privilegiato con Francia e Germania che tenga fuori la Spagna”.