Conte sulla scissione nel M5S: “No a egoismi, lamentele e personalismi”

31

ROMA – Nell’intervista pubblicata ieri sul Corriere della Sera, il leader del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte parla anche dell’attuale situazione nelle file pentastellate. Dopo la nomina dei 5 vicepresidenti c’è chi paventa una scissione di qualche decina di parlamentari del M5S: Conte come pensa di evitare tutto ciò? «Qualche dispiacere a fronte della nuova squadra è comprensibile, ma ci sarà molto spazio nei nuovi organismi per chi vuole impegnarsi a cambiare il Paese in meglio, senza egoismi, lamentele e personalismi», risponde.

È vero che Grillo vuole sostituirla con Di Maio? «Grillo e Di Maio li sento entrambi. Chi ci vuole disuniti resterà a bocca asciutta. Sarebbe suicida per tutti, dopo il grande lavoro preparatorio, distruggere un nuovo corso che è appena iniziato e ha bisogno di tempo». Come si porrebbe Conte se Virginia Raggi provasse a scalare il M5S o Alessandro Di Battista fondasse un nuovo partito? «La comunità del M5S è piena di valori e persone che si rimboccano le maniche. Raggi è nel Comitato di garanzia. Di Battista è una persona che stimo e non escludo che in futuro si possa ancora fare della strada insieme», conclude l’ex premier.