Continua a crescere il mercato dei mutui, frenano gli impieghi bancari

MILANO – Continua la frenata degli impieghi bancari. A ottobre, segnala il Bollettino mensile dell’Abi, il ritmo di crescita si e’ attestato allo 0,6% tendenziale, contro lo 0,8% di settembre e l’1,7% dello stesso mese del 2018. E a preoccupare e’ soprattutto il -1% segnato dalla variazione annua dei finanziamenti alle imprese, contro il -0,7% di settembre e il -5,9% di novembre 2013 quando fu toccato il picco negativo. Continua a crescere il mercato dei mutui che anche a ottobre ha segnato un incremento del 2,3% su base annua. Il totale dei prestiti alle famiglie e’ salito del 2,4%, allo stesso ritmo del mese precedente.

Nel complesso gli impieghi concessi delle banche italiane ammontano a 1.685 miliardi di euro, appena 12 miliardi in piu’ rispetto ai 1.673 miliardi segnati a fine 2007, prima dell’inizio della crisi. A ottobre risultano invece pari a 1.417,2 miliardi i prestiti al settore privato, in aumento tendenziale dello 0,1%. I prestiti a famiglie e imprese non finanziarie si attestano a 1.274 miliardi, anche in questo caso la crescita e’ dello 0,1%, in frenata rispetto al +0,6% di settembre. L’analisi della distribuzione del credito bancario per branca di attivita’ economica mette in luce come a settembre le attivita’ manifatturiere, quella dell’estrazione dei minerali e i servizi coprano una quota sul totale di circa il 56,5%, la quota delle sole attivita’ manifatturiere e’ del 26%.

I finanziamenti al commercio e attivita’ di alloggio e ristorazione detengono un’incidenza di circa il 21,9%, il comparto delle costruzioni dell’11,8%, l’agricoltura del 5,6%, le attivita’ residuali del 4,2%. La dinamica del credito, osserva l’Abi, continua a essere influenzata dall’andamento degli investimenti e del ciclo economico che rimane modesto. In particolare, posto uguale a 100 il valore reale degli investimenti fissi lordi al quarto trimestre 2007, nel secondo trimestre del 2019 l’indice si e’ posizionato a 83,4, con una perdita complessiva pari a 16,6 punti.

Vola la raccolta da clientela delle banche in Italia a ottobre. Il dato, segnala il Bollettino mensile dell’Abi, ha segnato un incremento del 5,3% su base annua. I depositi (in conto corrente, certificati di deposito, pronti contro termine) sono aumentati di oltre 89 miliardi di euro (1.563 miliardi nel complesso) rispetto a un anno prima con una variazione tendenziale positiva pari al +6,1% su base annuale, e, per la prima volta da oltre 7 anni, si registra un aumento della raccolta a medio e lungo termine, cioe’ tramite obbligazioni, per circa 1,5 miliardi di euro in valore assoluto negli ultimi 12 mesi, pari allo 0,6%.

Il tasso medio della raccolta bancaria da clientela (che com prende il rendimento dei depositi, delle obbligazioni e dei pronti contro termine in euro applicati al comparto delle famiglie e societa’ non finanziarie) si e’ collocato a ottobre allo 0,59% contro lo 0,60% di settembre. Il tasso sui depositi in euro applicato alle famiglie e societa’ non finanziarie e’ risultato pari allo 0,37% come il mese precedente, quello delle obbligazioni in essere al 2,24% (2,32% a settembre) e quello sui pct all’1,45% (1,47% a settembre).