Covid-19, Cna: “Positivo il chiarimento dell’Inail. Non si può colpevolizzare il datore di lavoro”

ROMA – “Positiva la nota diffusa dall’Inail nella quale si chiarisce esplicitamente che l’infortunio sul lavoro per Covid-19 non assume alcun rilievo per sostenere l’accusa in sede penale e/o in sede civile nei confronti dell’impresa. Un chiarimento che conferma quanto sostenuto dalla CNA: prevedere la copertura dell’Inail in caso di contagio a garanzia dei lavoratori non può trasformarsi nella colpevolizzazione degli imprenditori rispetto a una fattispecie come il Covid-19”.

Lo si legge in un comunicato della CNA. “Questo contagio – – aggiunge l’associazione – non può essere assimilato a un normale rischio lavorativo, tenuto conto della situazione di pandemia. Le imprese, naturalmente, continueranno a mettere in atto tutte le misure necessarie a contrastate il contagio sui luoghi di lavoro. CNA però ritiene necessario che l’indicazione dell’Inail venga ulteriormente rafforzata da un intervento legislativo. In modo da prevenire possibili derive interpretative e porre fine all’incertezza giuridica che oggi grava sui datori di lavoro”.