Covid: Solinas boccia i colori, “Meglio le zone rosse circoscritte”

37

CAGLIARI – “Abbiamo chiesto con forza e offerto al Governo una metodologia differente, che prevedesse misure più rigide per le zone della Sardegna che hanno indicatori negativi, quindi con la realizzazione di ‘zone rosse’ circoscritte. Sin dal principio abbiamo sostenuto che non sia corretto che tutta una Regione paghi, integralmente, per pochi casi isolati e limitati”.

In vista dell’incontro di lunedì con il governo, il goverantore della Sardegna Christian Solinas, rilancia la proposta di una nuova metodologia per la classificazioni delle regioni attraverso le fasce a colori. In particolare nell’Isola ci sono sei Comuni in fascia rossa, mentre il resto della regione è arancione sino a venerdì prossimo, poi passerà, come il resto d’Italia, in zona rossa per la Pasqua.

“Il mio dolore – aggiunge Solinas – è per i tanti commercianti e per le attività produttive, i bar e i ristoranti, che sono prigionieri di questo ‘valzer’ dei colori, in base ai quali si apre e si chiude senza avere certezze, e nel frattempo si mette seriamente in pericolo la continuità delle aziende”.