Incidenti sul lavoro, 4 operai perdono la vita in un’azienda agricola del Pavese

PAVIA – Morti annegati in una vasca di liquami di un’azienda agricola del Pavese. Così hanno perso la vita quattro operai stranieri ieri (giovedì 12 settembre). Non ci sono, al momento, indagati nell’inchiesta della Procura di Pavia per l’incidente sul lavoro avvenuto ieri in un’azienda agricola di Arena Po (Pavia) che ha causato 4 morti, i due titolari e due dipendenti.

Il pubblico ministero Antonio Cristillo ha aperto un fascicolo con l’ipotesi di omicidio colposo plurimo. Sarà lutto cittadino ad Arena Po nel giorno dei funerali dei 4 morti, tutti di nazionalità indiana. Ad anticiparlo è stato Alessandro Belforti, il sindaco del paese in provincia di Pavia.

Oggi i familiari della vittime hanno ricevuto ad Arena Po la visita del console dell’India arrivato da Milano. Accanto a loro si sono stretti i parenti giunti da altre province della Lombardia, in particolare da Brescia e Cremona. Le salme sono state trasferite all’istituto di Medicina Legale dell’Università di Pavia dove saranno effettuate le autopsie (non prima di lunedì). Poi sarà fissata la data dei funerali.

Mauro Rossato, Presidente dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering, parla di “un episodio agghiacciante che riapre per l’ennesima volta una ferita lacerata e sanguinante della contemporaneità italiana. Perché quella del nostro Paese è un’emergenza quotidiana. Perché si muore sul lavoro ogni giorno da Nord a Sud del Paese. E il numero delle vittime straniere continua ad aumentare”.