Dpcm Natale, Calenda: “Prescrizioni barocche e assurde”

65

ROMA – Il leader di Azione, Carlo Calenda (foto), commenta il decreto legge di Natale che è stato presentato ieri sera dal premier Conte in conferenza stampa. L’ex ministro parla di “prescrizioni barocche e assurde” e aggiunge: “Il tono paternalistico di Giuseppe Conte è poco serio. La mancanza di autorevolezza e efficacia di questo Governo imbarazzante. Sostenere che non ci sono alternative equivale a condannare l’Italia allo sbando”.

In tutta questa situazione esiste, secondo Calenda, “una grave responsabilità del Partito Democratico. Mandare avanti Renzi per vedere come butta non è una strategia degna di un grande partito, così come non lo è vivacchiare sperando di cavarsela. Il silenzio dei riformisti del Pd è imbarazzante. Coraggio!”.