Draghi: “La scuola deve essere comunità, resti aperta il pomeriggio”

21

ROMA – “Quello che dovremmo fare è investire molto di più” sulle attività per i giovani e la scuola, “creare tantissimi ‘Punti luce’, portare di più lo sport nelle scuole, fare della scuola stessa una comunità, avere il tempo pieno. Bisognerebbe che, una volta finito l’orario scolastico, i ragazzi e le ragazze potessero tornare a scuola, stare aperti il pomeriggio per fare molte attività”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi, rispondendo alle domande di alcuni ragazzi nel corso di una visita al Punto Luce di Save the Children Italia-Onlus di Torre Maura, a Roma.

“Su questo – ha aggiunto – il governo ha investito moltissimo, tanti miliardi per la creazione delle palestre, per il tempo pieno. La situazione sta migliorando perchè i grandi hanno cominciato a capire che voi siete al primo posto”.Draghi s’è rivolto poi a “chi cerca la sua strada”: “Anch’io la sto ancora cercando – ha detto il premier – tutti cercano la propria strada, ma per i giovani è più difficile perché non avete una strada prima e il passato non vi aiuta, anche se nello stesso tempo è meglio perché vedete il futuro e non avete limiti, la cosa più importante siete voi”.

Nella mia vita, ha aggiunto, “ho fatto quello che mi piaceva, ho lavorato tanto, poi a un certo punto non mi sentivo più soddisfatto e ho fatto un’altra cosa e così via. Per me l’importante è quello che fai in quel momento, ed è lì che vedi te stesso. Identificarvi con quello che fate è la cosa più importante”, è il consiglio che ha dato il premier.