Elezioni, Zingaretti: “Si conferma giusta l’ispirazione unitaria del Pd”

10

Nicola ZingarettiROMA – “Sono circa due anni, dall’irrompere del Covid, che gli italiani chiedono alla politica un orientamento e delle scelte chiare sulle questioni più importanti che li riguardano: la loro esistenza concreta, la salute, il lavoro, il futuro dei loro figli e delle loro comunità. Non c’è dubbio: chi ha saputo meglio rispondere a queste domande è stato il Pd, la sua delegazione al governo e, seppure in forma diversa, l’insieme delle forze del nuovo centrosinistra. La nostra vittoria in questa tornata elettorale è molto figlia di questo”. Così il governatore del Lazio Nicola Zingaretti, ex segretario del Partito Democratico.

“Si conferma giusta l’ispirazione unitaria del Pd, che ha puntato nuovamente a costruire un sistema di alleanze aperto e competitivo e una unità interna che si è rafforzata in questi mesi”, aggiunge. “Nel periodo del governo Draghi il Pd, infatti, non è stato attraversato da polemiche o lotte interne. Ciò è stato determinante per combattere meglio ed è il frutto di una direzione ferma ma pluralista di Enrico Letta. La destra populista capace, fino a qualche tempo fa, di cavalcare le paure, nella sfida con la nuda realtà dei fatti si è persa. Non ha dato risposte convincenti. È apparsa distante dai problemi concreti del nostro tempo”.

E ancora: “Sul Covid, sulle mascherine, sul lockdown, sui vaccini, sul ruolo dell’Europa, e altro ancora, la destra italiana è apparsa contraddittoria, confusa, divisa e ondivaga. La sua totale inadeguatezza nell’emergenza del Paese ha messo in luce quanto i populismi siano talvolta abili a rappresentare problemi, paure, solitudini, ma del tutto incapaci di dare soluzioni credibili. La debolezza delle loro candidature non è un fatto locale, ma politico e nazionale. Molti elettori disincantati hanno scelto il silenzio e l’astensione, un fatto preoccupante. Ma sicuramente una parte importante di loro, dopo molti anni, ci osserva con attenzione e a noi spetta dare segnali”.

Per Zingaretti “il Pd deve fare il Pd: essere un punto di riferimento affidabile per gli italiani, insistere sui contenuti, le scelte, la concretezza dei bisogni, tralasciando formule o nomi. Niente proclami ed esibizionismi, più vicinanza alla condizione materiale di vita delle persone. Stiamo vincendo la battaglia sanitaria, ora è il tempo della ripresa. È il tempo di realizzare un nuovo modello di sviluppo sostenibile dal punto di vista sociale e ambientale, che valorizzi il ruolo dei giovani e delle donne. Più giusto e più umano. Questa funzione, che anche l’Europa ci sollecita, possiamo svolgerla solo noi e il nostro campo; con un riformismo popolare, concreto, in grado di cambiare le cose”.