Energia, Gentiloni: “Il no del Governo a un ulteriore debito è più che giustificato”

16

CERNOBBIO (CO) – “L’intenzione del Governo di non fare ulteriore debito mi sembra un’intenzione più che giustificata”. Lo ha detto il commissario Ue all’economia, Paolo Gentiloni, a chi gli chiedeva, a margine del forum Ambrosetti, se fosse sostenibile per i nostri conti pubblici fare uno scostamento di bilancio per contrastare il caro-energia.

“Penso che ciascuno paese decida per sè, naturalmente – ha spiegato -. La linea della commissione Ue è che le misure di sostegno che sono assolutamente necessarie di fronte a questa crisi energetica debbano essere temporanee, il che non è facile perchè quando introduci un sussidio per poi toglierlo non è semplice”. Le misure, ha proseguito Gentiloni, “devono essere temporanee, devono essere mirate perchè alcune imprese e famiglie sono colpite da questi aumenti più delle altre, e non devono essere finanziate con ulteriore debito”.

“D’altra parte in Italia il governo Draghi ha dimostrato in questi mesi di poter fare queste misure di sostegno in modo comparabile con gli altri paesi europei senza fare ulteriore debito – ha concluso -. Quindi l’intenzione del Governo di non fare ulteriore debito mi sembra un’intenzione più che giustificata”.