Frontiere: “Io penso positivo” su Rai3 sabato 10 aprile, conduce Franco Di Mare

57

ROMA – La primavera è la stagione della rinascita e della bellezza, del risveglio della natura dopo il freddo inverno, delle lunghe giornate di luce, ma quella in corso è la seconda vissuta all’insegna del Covid che, a distanza di un anno, continua a registrare un triste bilancio di vittime quotidiano. Difficile pensare al domani in questo scenario, ma “Frontiere”, sabato 10 aprile con Franco Di Mare alle 16.30 su Rai3, vuole accendere un faro sulle storie di quegli italiani che hanno saputo e potuto adattarsi, riuscendo a trasformare i problemi in opportunità.

Il futuro potrà probabilmente cominciare davvero solo con la fine della pandemia, quando si abbandoneranno divieti, sacrifici, obblighi e vincoli che innescano un vortice di ansie e paure. Ma in mezzo a una moltitudine di vicende tristi, ci sono anche tanti che sono riusciti a guardare avanti, raccogliendo in qualche modo anche l’invito del Presidente Draghi a “ritrovare il gusto per il futuro”.

La puntata racconta le storie di chi, in un momento così tragico, ha deciso di cambiare la propria vita, trasformarla e rinnovarla, pur vivendo in un Paese piuttosto conservatore. Come quelle di Linda Raimondo che, in attesa di diventare astronauta, si dedica alla divulgazione scientifica, dell’ingegnere Federico Massimi che dopo il virus ha deciso di abbandonare la carriera di manager per produrre biscotti, o ancora, quella di Elisa Bruno che ha detto addio alle passerelle e alla professione di modella per impegnarsi come infermiera proprio nei reparti Covid.

Ci sarà poi lo chef Filippo Lamantia che, costretto a chiudere il suo ristorante dai costi troppo alti, non adatto ad affrontare i lunghi periodi di chiusura, ha scoperto di poter contare sulla solidarietà del collega Giancarlo Morelli. Mentre Eleonora Abbagnato, direttrice del corpo di ballo dell’Opera di Roma, racconta le difficoltà di un mondo che non si è mai arreso per continuare ad esercitarsi ed esibirsi. Quale sarà il futuro di tutti questi coraggiosi italiani? E qual è il futuro che attende il nostro Paese? Se ne parla con Antonio Polito, vicedirettore del Corriere della Sera, Gian Carlo Blangiardo, Presidente dell’Istat, e Paolo Crepet, psichiatra. “Frontiere” è firmato da Franco Di Mare, Paola Miletich, Stefano Pistolini e Pietro Raschillà con la produzione di Adriana Sodano e la regia di Anna Grossi.