Garante: “Attenzione al proliferare delle app di contact tracing”, allarme violazione privacy

ROMA – Attenzione al proliferare di app di contact tracing “da parte di istituzioni pubbliche e soggetti privati”: è il monito del Garante della privacy che, “anche in considerazione del perdurare dello stato d’emergenza disposto dal governo”, precisa che “gli unici trattamenti di dati personali che, allo stato, possano vantare un’adeguata base giuridica, sono esclusivamente quelli che trovano il proprio fondamento in una norma di legge nazionale”.

Ogni altro trattamento finalizzato al contact tracing risulta “privo di un’adeguata fonte giuridica legittimante” e quindi, avverte l’Autorità, viola la “normativa europea e nazionale in materia di protezione dei dati personali”.