Gianni De Feo al Teatro Off/Off di Roma con “Bambola, la strada di Nicola”

78
foto di Manuela Giusto

ROMA – Il cantante, regista e attore Gianni De Feo sarà in scena a Roma, al Teatro Off/Off, dal 1° al 6 marzo con “Bambola, la strada di Nicola”. Il pubblico assisterà a uno spettacolo musicale di “teatro canzone” diretto, interpretato e intonato dal vivo dallo stesso De Feo, con testo di Paolo Vanacore e le musiche originali e gli arrangiamenti di Alessandro Panatteri. Scene e costumi di Roberto Rinaldi, assistente alla regia Chiara Sanvitale. La trama ruota attorno a Nicola che, in una dimensione tra Reale e Immaginario, narra in prima persona la lunga strada della vita rivedendo per prima cosa la sua venuta al mondo sul finire degli anni ’60 in una qualunque periferia romana.

Fanno da sfondo le voci e le contestazioni scatenate delle femministe, che rivendicano la libertà delle proprie scelte sessuali. Nicola/Bambola, in questo travestimento fantasioso, incarna l’espressione del maschile e del femminile. È al tempo stesso il padre e la madre. È l’uno ed è l’altra. Il dualismo che si ricongiunge al Tutto. E intanto canta. Canta “Il paradiso”, “Ragazzo triste”, “Nel giardino dell’amore”, “Se perdo te”. Canta le prime canzoni di Nicoletta Strambelli (in arte Patty Pravo) alla quale il suo nome è stato dedicato, perché quella diva rappresenta, nel mondo immaginario di una madre rinchiusa nella gabbia delle proprie delusioni, l’esaltazione della libertà. Una libertà in bianco e nero.

Nicola è uomo e sceglie di prendere in mano il proprio destino, percorrendo la strada verso una doppia identità. L’immagine riflessa si trasforma, sdoppiandosi in “Bambola”. E proprio “Bambola” sceglie la strada della prostituzione e veste abiti femminili. La strada si arricchisce di personaggi e allegria, mentre il linguaggio stesso del racconto si colora di suoni sboccati, erotici, ma anche sentimentali e poetici. Il racconto diventa melodramma e si colora di rosa prima ancora che la love story si frantumi. E prima che un finale a sorpresa svelerà qualcosa di inaspettato.