Giornata della memoria, la programmazione tv di Tv2000 e InBlu2000

63

film anne frank

A partire da mercoledì 27 gennaio interviste a Lia Levi, Moni Ovadia, Lia Tagliacozzo e Giorgio Finzi. Martedì 2 febbraio per il ciclo ‘Viaggio nella Memoria’ il film ‘La storia di Anne Frank’ diretto da Robert Dornhelm

ROMA – Programmazione speciale di Tv2000 e InBlu2000 in occasione della Giornata della Memoria. A partire da mercoledì 27 gennaio interviste, testimonianze, racconti e approfondimenti nel corso dei programmi tv e radio delle emittenti Cei. Nella Giornata della Memoria la mattina di Tv2000 si apre con la trasmissione ‘Bel tempo si spera’(ore 7.30 e 9.10) che ospita Nando Tagliacozzo, scampato al rastrellamento nazista di Roma quando aveva solo 5 anni. I suoi familiari persero tutti la vita nel campo di sterminio di Auschwitz, mentre lui, la madre e una sorella trovarono accoglienza nel convento delle Suore del Preziosissimo Sangue fino all’arrivo degli Alleati nel giugno del ’44.

Poi, la storia di Aurelia Gregori, venuta al mondo nel campo di concentramento di Auschwitz il 13 gennaio del 1945. In diretta anche le immagini della mostra “Dall’Italia ad Auschwitz”, curata dalla Fondazione Museo della Shoah presso la Casina dei Vallati a Roma e il decimo anniversario di Memorie di Famiglia, l’iniziativa promossa dal 2012 dal Pitigliani, il Centro Ebraico Italiano, che raccoglie le testimonianze, i diari, i documenti, le lettere di chi ha vissuto sulla propria pelle la Shoah al fine di trasferire la memoria alle nuove generazioni.

Nel pomeriggio, a ‘L’Ora solare’ (ore 14) condotto da Paola Saluzzi ospite Giorgio Finzi, figlio di Sabatino Finzi, il più giovane sopravvissuto al rastrellamento del ghetto di Roma vivendo per due anni e mezzo in tre campi di concentramento. In diretta racconta il suo ritorno sui luoghi dell’orrore, accompagnato dalle immagini da lui stesso girate. Poi Lia Levi, testimone diretta della Shoah, che ha raccolto la sua Memoria nel libro “Il Giorno della Memoria raccontato ai miei nipoti”.

Si continua con l’intervista a ‘Soul’, in onda su Tv2000 sabato 30 gennaio ore 20.50 e su InBlu2000 lunedì ore 21, alla scrittrice Lia Tagliacozzo, assurta recentemente alle cronache per l’ incursione antisemita durante una presentazione su piattaforma del suo ultimo libro. Anche la sua famiglia ha vissuto la Shoah, e nel libro ‘La generazione del deserto’ riprende i fili della storia del padre, salvato per caso da una retata nel ghetto romano che portò il nonno e la sorellina in un campo di sterminio, e della madre, rifugiata in un campo di internamento in Svizzera.

Continua, il martedì in prima serata, il Ciclo ‘Viaggio nella Memoria’ con il film ‘La storia di Anne Frank’ diretto da Robert Dornhelm, in onda il 2 febbraio.

Su InBlu2000 la programmazione dedicata alla Giornata della Memoria si apre con il racconto del progetto ‘Treno della Memoria’ nel corso del programma ‘Magazine InBlu2000’, mercoledì 27 gennaio alle ore 10, grazie al quale in 16 anni più di 50.000 ragazzi hanno visitato i campi di Auschwitz e Birkenau. Quest’anno, non potendo viaggiare per le restrizioni del Covid, si fa Memoria portando l’esperienza sul web. Poi, ospite Emanuele Fiano, autore del libro “Il profumo di mio padre. L’eredità di un figlio della Shoah”, il tentativo di un passaggio di consegne di una memoria preziosa e indimenticabile e una riflessione attualissima sul male e sugli orrori del passato.

Venerdì 29 alle ore 21 in onda ‘Retroscena’ con l’intervista a Moni Ovadia, che riflette sul significato della accettazione dell’altro da sé, sul valore della memoria, sulla necessità della salvaguardia dell’integrità dell’essere umano come base per la costruzione di un’etica della giustizia e della pace.

Sabato 30 gennaio a ‘La Biblioteca dei Ragazzi’, in onda alle ore 14, ospiti Lia Levi, con il suo libro “Il giorno della memoria raccontato ai miei nipoti”, e Federico Baccomo, autore di “Che cosa c’è da ridere” in cui racconta la storia di Erich Adelman, un ragazzino ebreo che cresce nella Berlino degli anni Trenta e sogna di diventare un comico del circo, in una casa dove non si ride mai. I suoi sogni si scontrano, però, con la tragedia della Shoah.