Governo Meloni, Salvini: “Bellissimo il discorso di Giorgia”

28

ROMA – “Bellissimo il discorso di Giorgia. Musi lunghi a sinistra, speranza e fiducia per gli italiani. Ribaditi impegni su tasse, pensioni, lavoro, sicurezza, autonomia e riforme. Per quanto mi riguarda: sbloccare cantieri e opere pubbliche ferme e attese da anni, creando lavoro e ricchezza, sarà il mio impegno giorno e notte”. Con queste parole il neo ministro alle infrastrutture Matteo Salvini commenta il discorso programmatico della neo premier Giorgia Meloni, che tra le altre cose ha detto: “Alla fine di questa avventura a me interesserà una sola cosa: sapere che abbiamo fatto tutto quello che potevamo per dare agli italiani una Nazione migliore. State certi che non ci arrenderemo, non indietreggeremo, e non tradiremo”.

Poi Meloni, parlando alla Camera, ha affermato: “È nostra intenzione dare nuova centralità ai nostri Comuni. Perché ogni campanile e ogni borgo è un pezzo della nostra identità da difendere. Penso in particolare a quelli che si trovano nelle aree interne, nelle zone montane e nelle terre alte, che hanno bisogno di uno Stato alleato per favorire la residenzialità e combattere lo spopolamento”.

Questo il commento di Marco Bussone, presidente nazionale dell’Uncem: “L’impegno della Presidente Meloni, confermato stamani in Aula a Montecitorio, sulla centralità dei Comuni, sulle aree interne e montane, sull’alleanza dello Stato per favorire residenzialità e combattere lo spopolamento, siamo certi troverà pieno consenso in tutto il Governo, in tutto il Parlamento, con azioni concrete, legislazione ad hoc, investimenti, costruzione di sinergie tra Comuni, tra territori, tra grandi città e piccoli centri. Proseguendo percorsi in essere, anche grazie al PNRR e ai fondi della coesione, e aprendone di nuovi. Abbiamo bisogno di un lavoro di questo tipo, innovativo, sinergico tra forze politiche, aperto e inclusivo da fare insieme con il Governo e lo avevamo fortemente auspicato nella campagna elettorale, chiedendo a tutte le forze politiche l’impegno determinato. Questo alla Camera è un primo importante segnale. Ora, come Uncem, ‘casa delle montagne’, lavoriamo intensamente per combattere lo spopolamento che è una vera emergenza per tutto il Paese, non solo per le aree montane, cariche altresì di potenzialità e opportunità”.