Il ministro D’Incà a Fieracavalli 2019, presenti i più grandi marchi made in Italy e non

ministro d'inca

La 121ª edizione della manifestazione è in programma alla Fiera di Verona dal 7 al 10 novembre con 750 aziende espositrici presenti

VERONA – I più importanti marchi made in Italy e internazionali di articoli e attrezzature per l’equitazione e la cura del cavallo: dalle scuderie, all’abbigliamento, fino a mangimi e prodotti di veterinaria. Fieracavalli, manifestazione di riferimento per il mondo equestre, ha anche un’anima commerciale. A Veronafiere, dal 7 al 10 novembre, sono presenti oltre 750 aziende da 25 nazioni su 25mila metri quadrati espositivi netti. Tra gli espositori ci sono grandi ritorni e alcuni debutti prestigiosi.

E per la prima volta, Veronafiere, in collaborazione con Ice-Agenzia, ha organizzato una fitta agenda di incontri b2b agli oltre 50 top buyer selezionati e arrivati da 18 paesi, grazieal programma di incoming. Si tratta di distributori, importatori e grossisti provenienti da Argentina, Austria, Belgio, Canada, Cina, Emirati Arabi, Germania, India, Kazakistan, Messico, Oman, Polonia, Russia, Slovenia, Svezia, Taiwan, Regno Unito, Uruguay.Il padiglione 4 espone il meglio delle proposte commerciali per addetti ai lavori, praticanti e appassionati.

fieracavalli2019 verona

Acme presenta un mangime sviluppato sulle esigenze di mantenimento dei cavalli anziani, testato dall’ex pluricampione mondiale di trotto Varenne, mentre per la riabilitazione e il defaticamento di quelli sportivi c’è la linea di strumenti elettromedicali di Bemer. Allo stand del Gruppo Gianni Guidolin, specializzato nella nutrizione animale, anche approfondimenti a carattere scientifico, mirati in particolare per la disciplina del reining.

Nel padiglione 6, oltre 300 stand offrono accessori, attrezzature e abbigliamento per l’equitazione. Il 7, invece, insieme al campo prova e riscaldamento dei campioni del salto ostacolidella Longines Fei Jumping World Cup™, ospita i più rinomati brand del settore. Kask, main sponsor di Jumping Verona, espone qui tutta la sua linea di caschi da equitazione e ha allestito un’area dove poter vedere dal vivo la realizzazione dei suoi prodotti. In questo padiglione si possono trovare anche grandi nomi nel campo della selleria: Pariani, Selleria Equipe, Prestige e Gianetti.

Riguardo al vestiario tecnico ritorna Equiline e debuttano in fierala francese Horse Pilot e l’italiana Cavalleria Toscana conle proprie linee per cavalieri e amazzoni alla moda, senza dimenticare gli stivali di Parlanti, con speciali suole in gomma studiate insieme a Michelin, e poi quelli di Tucci e Sergio Grasso. Completano l’offerta, le staffe di sicurezza di Safe Riding, i mangimi di Porrini e le scuderie realizzate da Clabel che ne donerà una tra quelle in esposizione a Progetto Islander, associazione che si occupa del recupero di cavalli da situazioni di maltrattamento.

Sempre nel padiglione lo stand di Franco Tucci ospita uno show di luci, suoni e immagini dedicato al mondo equestre, che porta a Verona le opere di Canova, in collaborazione con la Gypsoteca e il Museo di Canova. Infine, nell’area esterna “D”, Tacchino, che produce cappelli e abbigliamento country, mette a disposizione un’area a tema western dove ballare la line dance, ascoltando le musiche dei cowboy americani.