In crescita il “camper style”

108

ROMA – In Europa esiste un parco circolante di camper e caravan (dati ufficiali 2019) di circa 5 milioni e settecentomila veicoli, un volume che è aumentato negli ultimi 5 anni del 22,3%. Il ‘camper style’ sta diventando sempre più diffuso perché i valori che interpreta sono sempre più condivisi: la libertà di partire quando si vuole, il desiderio di vivere a contatto con la natura, il ritorno ad una dimensione umana, la voglia di portarsi sempre dietro il proprio animale d’affezione.

Parliamo dunque di un flusso turistico importante che è necessario attrarre sul nostro territorio, predisponendo un’accoglienza adeguata al pari dei Paesi già molto attrezzati, quali Francia, Germania e Spagna. I camperisti non sono turisti di ‘seconda fascia’; una ricerca infatti indica che un equipaggio di camperisti spende mediamente fino a 200 euro al giorno sul territorio ospitante. Ad esempio, i camperisti vanno al ristorante almeno tre o quattro volte alla settimana, provvedono all’acquisto di prodotti enogastronomici, visitano luoghi di cultura, pagano per la sosta.

I camperisti sono ben disponibili a pagare una quota per sostare in un’area camper che offra servizi e che sia sorvegliata e sicura, e inoltre visitano i territori, partecipano agli eventi locali, e acquistano i prodotti tipici. Un’area di sosta può contribuire anche ad un miglior successo degli eventi locali, è dimostrato infatti che se sul territorio è presente un’area di sosta camper, gli ospiti si fermeranno per più giorni anziché poche ore. I camperisti usano il camper più volte all’anno ed anche nei weekend.

Il camper non è solo uno strumento per le vacanze classiche. Si stima, infatti, che l’utilizzo medio del mezzo sia di 79 giorni l’anno. I camperisti pertanto, aiutano a destagionalizzare il turismo. Accogliere tale categoria di viaggiatori significa anche riuscire ad anticipare e prolungare la stagione turistica, dato che i camperisti si muovono tutto l’anno favorendo una presenza turistica in bassa stagione o addirittura fuori stagione.