In oltre 500 a Roma per la manifestazione ‘Priorità alla Scuola’

ROMA – Oltre 500 persone tra insegnanti, genitori, precari e personale scolastico hanno preso parte a Roma alla manifestazione ‘Priorità alla Scuola’. I partecipanti si sono dati appuntamento in piazza a Largo Bernardino da Feltre, vicini al Ministero, per esprimere tutta la loro preoccupazione per la ripresa della scuola a settembre e per esprimere la loro contrarietà verso la didattica a distanza. L’iniziativa si è svolta in contemporanea in 17 città italiane. “La didattica a distanza – interviene l’organizzatrice Cristina Tagliabue – per i ragazzi fino a 18 anni di età è improduttiva e produce forti disuguaglianze.

La sperimentazione non è stata accessibile a tutti, molte famiglie non sono organizzate, non dispongono di buone connessioni o di apparecchi adeguati. Inoltre molti genitori sono in smartworking e non possono seguire contemporaneamente lavoro e figli”. Il MIUR ha provato anche con la televisione pubblica a creare un collegamento scuola-famiglie che però non ha avuto un grande seguito, almeno a giudicare dai dati di ascolto.