La cover-drinklist “The Fab Four” per celebrare 55 anni di “White Album”

43
Glass of tasty alcohol drink and vinyl record on grey fabric

Per l’occasione, gli esperti hanno preparato la cover-drinklist “The Fab Four” per celebrare la tracklist originaria del Doppio Bianco

Il 22 novembre del 1968 i Beatles pubblicavano uno dei più grandi capolavori della loro carriera, il disco omonimo, anche noto come “The White Album”. 55 anni dopo, la cifra caratterizzante del “Doppio Bianco” resta la sua poliedricità. Dei suoi 30 brani, ciò che a lungo è stata considerata frammentarietà stilistica viene salutata oggi, in occasione dell’anniversario, come prodigiosa ecletticità. Le canzoni del disco spaziano infatti liberamente fra hard rock e vaudeville, blues e country&western, ska e ballads, folk, psichedelia e sperimentazione elettronica, pop leggero e confessioni private. Insomma, nelle sue quattro facciate di vinile il White Album ha segnato un momento di svolta nel mondo della popular music. Come risultato, la peculiarità del disco è proprio la capacità di essere “sentito” e gustato secondo sfaccettature sempre diverse. Melodie innocue e spensierate accanto a inni incendiari, ballate serene accanto a sperimentazioni estreme, momenti di altissima poesia accanto a mordaci provocazioni. Il bianco della copertina non è un caso: ricorda l’”Opera al Bianco”, l’Albedo, la fase alchemica di distillazione e purificazione dopo la Nigredo, appunto, il caos originario da cui ha avuto origine la creazione artistica del celeberrimo quartetto.

Per festeggiare il 55° compleanno del vinile, dunque, gli esperti di Anthology by Mavolo (mavolo.it), imitando i valori cari agli alchimisti, hanno preparato un “Doppio Bianco alternativo”, celebrando la tracklist originaria con l’interpretazione di un’artista d’eccezione. Lo Spirits Specialist Alberto Birollo ha infatti realizzato una “cover-drinklist” per mettere d’accordo i palati di tutti, appassionati e non. “L’abbiamo battezzata The Fab Four, ovviamente, in onore di Paul, John, Ringo e George. Proprio come i Beatles hanno conquistato tutto e tutti partendo dalla loro Liverpool, anche questa drinklist, rigorosamente total white come la copertina dell’album, finirà per conquistare gli amanti della Mixology, in un caleidoscopio di esperienze di gusto, che ripercorre proprio quella tensione creativa che ha caratterizzato le sessioni d’incisione dei protagonisti”, commenta Alberto Birollo, drinksetter di Anthology by Mavolo (mavolo.it).

Quest’anno, la pubblicazione di Now and Then – che raccoglie il primo singolo dei The Beatles rimasterizzato, Love me Do, e l’ultimo che verrà mai registrato, Now and Then, appunto, brano completato trent’anni dopo che i membri superstiti dei Beatles hanno ricevuto da Yoko Ono un nastro con le ultime demo registrate da John Lennon prima della sua tragica scomparsa – oggi primo nella classifica UK, racchiude sì l’inizio, ma non la fine. Grazie all’anniversario del White Album è infatti possibile continuare a riscoprire i grandi successi dei Favolosi Quattro e di un disco che ha fatto la storia del rock mondiale.

Ecco dunque la drinklist “The Fab Four” e i consigli del professionista per preparare i 4 cocktail. Immedesimarsi in una delle star britanniche non è mai stato così facile: il White Album è una tela e ciascun Mixologist il suo artista.

J. Lemon – John Lennon

30 ml di Hell or High Water Reserva
20 ml Hell or High Water Spiced
20 ml Bacanha sciroppo allo zenzero
25 ml limone
100 ml Ginger Beer Le Tribute
Qualche goccia di albume d’uovo

Una rivisitazione del “Penicillin”, che si ottiene mescolando con cura e precisione tutti gli ingredienti. Per alzare il livello di freschezza e vivacità aggiungere Ginger Beer Le Tribute. Coronare il tutto con una leggera spruzzata di zafferano, che aggiungerà un aroma avvolgente e abbellirà il cocktail.

Long Long Lime – George Harrison

60 ml Koch El Mezcal Espadín Artigianale
20 ml sciroppo di agave Don Ramón
20 ml succo di lime
q.b. sale
1 fetta di lime per guarnire

Meglio noto come “Tommy’s Mezcal Margarita”: agitare gli ingredienti nel mixing glass già carico di ghiaccio. Miscelare con energia e versare nella coppetta da cocktail. Per un tocco di stile, guarnire con due fette di lime a piacimento.

McCharmly – Paul McCartney

20 ml armagnac La Licorne VS
15 ml Bacanha sciroppo alla menta
20 ml vodka Le Philtre Blu

Una reinterpretazione “Stinger”, versione Paul McCartney, che si prepara unendo tutti gli ingredienti nello shaker, aggiungendo con cura il ghiaccio. Filtrare poi il risultato in un tumbler basso. Per un tocco di freschezza visiva e aromatica, adagiare con eleganza una sottile fetta di limone e alcune foglie di menta sulla superficie del cocktail.

Ringo Bingo – Ringo Starr

40 ml gin Mayfair The Flagship
10 ml succo di limone
10 ml succo di lime
20 ml liquore al Melone e Tea Dennis Zoppi
Qualche goccia di albume d’uovo
15ml panna montata
Explosivo Sifone Soda Mavolo
Polvere di lampone

Una rilettura del “Ramos Gin Fizz”, da ottenere mescolando energicamente tutti gli ingredienti, esclusa la panna, fino a ottenere una schiuma soffice. Successivamente, incorporare la panna e il ghiaccio, continuando a mescolare con vigore. Filtrare il composto in un bicchiere da fizz (senza ghiaccio) e completare il riempimento con la soda fresca. Lasciare riposare brevemente e aggiungere gradualmente altra soda per creare un’incantevole nuvola di schiuma che si spande delicatamente lungo il bordo del bicchiere. Infine decorare con una sottile spolverata di polvere di lampone.