“La nuova scuola genovese”, il docufilm al cinema il 3 e 4 maggio

19

GENOVA – “Il docufilm sviluppa quel dialogo tra generazione dei cantautori e dei rapper che come assessorato regionale alla cultura abbiamo da sempre incentivato portandolo innanzitutto ai giovani studenti delle scuole”. Così l’assessore alla Cultura e allo Spettacolo e alla Scuola della Regione Liguria, Ilaria Cavo nel commentare l’arrivo nelle sale del docufilm ‘La nuova scuola genovese’ in programma nei cinema martedì 3 e mercoledì 4 maggio. La produzione analizza il filo rosso che lega i grandi cantautori della ‘scuola genovese’ come Gino Paoli, Luigi Tenco, Umberto Bindi, Bruno Lauzi e Fabrizio De André ai rapper nati in Liguria che oggi dominano le classifiche italiane. Anche Cristiano De Andrè ha una parte insieme al rapper genovese Bresh.

“Il progetto ‘Cantautori nelle scuole’, nato con l’idea di far studiare i cantautori alle nuove generazioni, aveva portato i vari docenti a passare dai testi dei rapper per far apprezzare e capire i testi i valori dei grandi cantautori della nostra storia musicale alle nuove generazioni – aggiunge Ilaria Cavo – Il legame tra cantautori e rapper è stato evidente soprattutto negli eventi di restituzione finale pubblica del progetto, in un’occasione alla presenza anche di Gino Paoli che aveva dato valore a tutto il percorso. E’ importantissimo vedere oggi come un autore come Claudio Cabona abbia sviluppato questa tematica e, grazie a un’imponente produzione, sostenuta anche dal bando per l’audiovisivo di Regione Liguria, abbia restituito con interviste e dialoghi un docufilm che sarà un contributo prezioso per tutti, ma che arriverà su larga scala soprattutto ancora ai giovani. Il docufilm si apre con un’intervista, volutamente registrata all’interno del chiostro dell’abbazia di San Giuliano, e crea un altro forte legame in continuità con la progettualità di Regione Liguria che qui, insieme al MIC e al Comune di Genova, ha progettato la Casa Nazionale dei Cantautori riconoscendo a Genova il ruolo primario nella storia della canzone d’autore Italiana. Riflettere oggi su come parole e musica siano stati utilizzati in passato e vengano utilizzati oggi è un’operazione culturale importante, coraggiosa e di veduta comune”.

“L’audiovisivo si è rivelato, dati alla mano, un reale motore di sviluppo economico regionale, oltreché incentivo all’occupazione e alla valorizzazione della nostra cultura e del nostro territorio – aggiunge l’assessore allo Sviluppo Economico Andrea Benveduti – Questo è uno dei molti progetti che, dal 2016 ad oggi, hanno visto la luce, anche grazie al contributo offerto da Regione Liguria – ricorda l’assessore regionale allo Sviluppo economico Andrea Benveduti – Il nostro impegno a supporto del settore, prosegue oggi con nuove opportunità a fondo perduto per produzioni locali ed estere che scelgono la Liguria come set delle proprie pellicole e si rafforzerà in futuro con la nuova programmazione Fesr”.