Legge elettorale, Gasparri: “Mai il proporzionale”

ROMA – “Mai il proporzionale. Una legge elettorale di questo tipo condannerebbe l’Italia alla palude e al trasformismo eterno. Si al bipolarismo, si al maggioritario, si al presidenzialismo. Sono queste le vocazioni politiche di Berlusconi, di Forza Italia e del centrodestra. Sono risibili i fantasisti che su qualche cronaca confondono i loro desideri con la realtà. Lo dichiara il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri (foto).

“Forza Italia è nata per unire un grande schieramento di centrodestra alternativo alle sinistre. E le proposte politiche e le leggi elettorali devono essere di supporto a questo progetto. L’elezione diretta del sindaco, le elezioni dei presidenti delle Regioni, meccanismi di democrazia diretta, devono trovare continuità anche nell’elezione diretta e popolare dei massimi vertici dello Stato. Questo è il nostro obiettivo. E leggi elettorali proporzionaliste servirebbero solo all’inciucio permanente. Le ritirino. In Parlamento sarebbe una battaglia frontale e totale contro questo tentativo”.

“La piazza di ieri ha ribadito la vocazione di un centrodestra unitario. La capacità di individuare nelle Regioni candidati unitari conferma questa indicazione. Invece le sinistre e i grillini si dividono, si frammentano e litigano tra di loro. Ritirino le leggi proporzionali contro le quali l’ostruzionismo e la battaglia parlamentare di chi vuole una democrazia vera e partecipata sarebbe totale”.