Letta sollecita l’Europa sull’Ucraina: “Faccia un passo avanti e sia unita”

8

ROMA – “In questo momento è fondamentale il bisogno di posizioni comuni in Italia e in Europa. Ho incontrato Conte qualche giorno fa, abbiamo parlato, ci sono punti di intesa e alcune differenze ma siamo insieme e con una maggioranza che sostiene il Governo. Se Draghi ha una maggioranza importante che lo sostiene è in grado di dire le cose importanti che ha detto negli Stati Uniti e fare il resto. Tutto questo va fatto insieme come europei altrimenti facciamo il gioco di Putin ci dividiamo ed è la cosa peggiore che possiamo fare”.

Così Enrico Letta, segretario del Partito Democratico, ospite a Piazzapulita su La7. “Piuttosto che cercare divisioni, dobbiamo rimarcare una unità profonda, grazie alla quale Draghi è potuto andare a Washington con una posizione molto forte parlando a nome del Paese unito e dell’Unione europea – ha aggiunto – Le mie parole saranno a favore dell’unità del paese in questo momento. Se Putin trova l’Italia e l’Europa divisa ha vinto metà della sua guerra. La guerra si sta svolgendo in Europa e noi vogliamo la pace doppiamente”.

“Accadono dei fatti clamorosi – ha continuato Letta – come la Finlandia che esce dalla finlandizzazione che rappresentava caratteristica unica e ha fatto la scelta di raggiungere l’alleanza atlantica, alla quale fino a tre mesi fa erano contrari, perchè Putin ha messo paura a tutti. Per questo c’è bisogno che l’Europa unita faccia un passo avanti, si unisca di più, sul tema del sociale e della difesa, crei la Confederazione europea insieme ai paesi candidati e si elimini diritto di veto”, ha sottolineato il segretario del Pd.