M5s, Consiglio nazionale: “Le parole di Di Maio gettano grave discredito”

1

ROMA – Le “recenti” dichiarazioni del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, sulla linea di politica estera del Movimento 5 Stelle, “distorcono le chiare posizioni assunte in questa sede il 16-17 maggio (e prima ancora dello scorso 26 aprile), e oggi integralmente ribadita, sempre all’unanimità”. E’ quanto si legge in un comunicato stampa del Consiglio nazionale M5S, sull’esito della riunione della notte dello stesso Consiglio dove è stata per ora sospesa la richiesta di sospensione di Di Maio, entrato in rotta di collissione con il leader Giuseppe Conte.

“In particolare – prosegue al nota – le dichiarazioni circa una presunta volontà del M5S di operare un “disallineamento” dell’Italia rispetto all’Alleanza euro-atlantica e rispetto all’Unione Europea sono inveritiere e irrispettose della linea di politica estera assunta da questo Consiglio Nazionale e dal Movimento, che mai ha posto in discussione la collocazione del nostro Paese nell’ambito di queste tradizionali alleanze”.

“Queste dichiarazioni, unitamente a quelle che evocano un clima di incertezza e di allarme in materia di “sicurezza nazionale” e quindi di instabilità del nostro Paese, sono suscettibili di gettare grave discredito sull’intera comunità politica del M5S, senza fondamento alcuno”, prosegue il Consiglio.

“La nostra posizione – ribadita in ogni occasione – è invece saldamente ancorata alla Carta delle Nazioni Unite, all’appartenenza euro-atlantica dell’Italia e costantemente orientata a rafforzare il processo di integrazione dell’Unione Europea, e auspica fortemente un deciso protagonismo del nostro Paese, nel quadro di queste tradizionali alleanze, al fine di favorire un’escalation diplomatica che, unitamente alla rigida applicazione delle sanzioni contro il regime russo, contribuisca alla soluzione diplomatica e politica del conflitto ucraino”, si aggiunge. Il Consiglio Nazionale, pertanto, “confida che cessino queste esternazioni lesive dell’immagine e della credibilità dell’azione politica del Movimento 5 Stelle”.