Max Giusti torna con “Boss in incognito”: “Racconto l’Italia che resiste”

ROMA – “In questo format la parola d’ordine è emozione: è stato giusto realizzarlo in questo momento, ma io non mi sono reso subito conto di quanto il programma rappresentasse davvero un’opportunità”. Si racconta a cuore aperto e con un coinvolgimento emotivo particolare Max Giusti, nuovo conduttore di “Boss in incognito”, il docu-reality di Rai2 prodotto in collaborazione con EndemolShine Italy che, dopo due anni, torna in onda l’8 settembre.

Appuntamento in prima serata su Rai2 con 4 nuove puntate, per un’edizione “segnata” dall’emergenza sanitaria: il programma, che mette in contatto il mondo dei boss con quello dei dipendenti, sarà infatti l’occasione per raccontare la resistenza alla crisi economica e la rinascita delle nostre aziende e di tutti i lavoratori.

“Ho avuto la conferma del programma in pieno lockdown. Siamo stati nelle aziende da giugno ad agosto: il Covid ha provocato danni enormi, per fortuna, però, le aziende in cui siamo stati non hanno chiuso, anzi, hanno provato a rilanciarsi, ma non senza difficoltà”, dice Max Giusti all’Ansa, sottolineando di esser stato colpito soprattutto dalla generosità dei lavoratori “che, nonostante l’atmosfera di grande incertezza, continuavano a preoccuparsi per gli altri”.

Nel programma i boss, tutti camuffati, si presenteranno in azienda con una nuova identità e un aspetto fisico inedito, grazie a trucco e parrucco. Ma la novità di quest’anno è che anche il conduttore dovrà mascherarsi, per dare una mano al boss e sostituirlo nella sua missione. Solo al termine della settimana i lavoratori scopriranno che sono stati affiancati nelle loro mansioni dal loro capo e, in alcuni casi, da Max Giusti, che svelerà la sua vera identità.