Meloni contro la Francia: “No a ingerenze dall’estero, Parigi smentisca ministro Boone”

15

ROMA – “Leggo su ‘La Repubblica’ che il ministro francese Laurence Boone avrebbe detto: ‘Vogliamo lavorare con Roma ma vigileremo su rispetto diritti e libertà’ e ‘saremo molto attenti al rispetto dei valori e delle regole dello Stato di diritto’. Voglio sperare che la stampa di sinistra abbia travisato le dichiarazioni fatte da esponenti di governo stranieri e confido che il Governo francese smentisca queste parole, che somigliano troppo a un’inaccettabile minaccia di ingerenza contro uno Stato sovrano, membro dell’Ue. L’era dei governi a guida Pd che chiedono tutela all’estero è finita”. Così sulla sua pagina Facebook la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Arriva poi la precisazione da fonti del gabinetto di Boone: “Il ministro non intende dare lezioni. La presentazione in questa intervista della relazione che intendiamo avere con l’Italia semplifica eccessivamente il pensiero del ministro. Come ha detto, la Francia rispetta ovviamente la scelta democratica degli italiani. Il ministro, che è vicino all’Italia, vuole portare avanti il lavoro di cooperazione e desidera dialogare il prima possibile”.