Natale a Capodanno con i propri cani: alcuni consigli

36

cagnolini natale

Alcune regole per prevenire problemi con decorazioni, cenoni, botti e trascorrere assieme ai vostri amici a quattro zampe feste serene e cruelty free

I preparativi per festeggiare Natale e Capodanno fervono: l’albero è stato decorato, in casa compaiono i primi pacchetti colorati e il menu per il cenone è già stato pensato. Ma se per noi umani queste festività sono un momento magico, per i nostri amici a quattro zampe potrebbero essere fonte di stress: i botti di Capodanno li spaventano, gli spostamenti per le vacanze li destabilizzano, il rischio che ingoino qualche pallina o che mangino troppo è dietro l’angolo. Ma non tutto è perduto. Amusi – brand del settore petfood, nato con l’obiettivo promuovere un nuovo concetto di nutrizione di alta qualità – con la collaborazione della dottoressa Costanza Delsante, medico veterinario e consulente per la nutrizione, ha stilato un vademecum da seguire, che vi permetterà di trascorrere assieme ai vostri amici a quattro zampe feste serene e cruelty free.

1. Occhio alle decorazioni natalizie

Nastri, luci, palline e piante abbelliscono le case, ma possono rivelarsi pericolosi per il cane. Gli addobbi hanno forme invitanti per i cuccioli: se il vostro ha la tendenza a ingerire oggetti, fate attenzione alle palline più piccole e cercate di metterle nella parte superiore dell’albero. Evitate di decorare la casa con oggetti di vetro perché potrebbero rompersi e ferire il vostro cane. Attenzione anche alla stella di Natale: se ingerita o masticata può essere tossica e può avere un effetto irritante per le mucose.

2. Tavole imbandite sì, ma niente avanzi del cenone

Se già durante il resto dell’anno non è buona abitudine dare da mangiare gli avanzi al cane, in questo periodo è bene evitare di far arrivare nella sua ciotola ciò che mangiate. I cibi e le pietanze elaborate cucinate durante le feste non sono l’ideale per la sua alimentazione. Ai cani non bisogna dare cibi molto processati, che contengono aglio e cipolla, soffritti o aromi. Il loro cibo delle feste deve essere bilanciato e sempre high quality.

3. Menu “canino” delle feste

L’alimentazione è una cosa personale e specifica per ogni cane e va rispettata anche durante cenoni e festività. Una volta capito che il vostro menù non è a misura del vostro animale domestico si può coinvolgerlo comunque nei festeggiamenti offrendogli uno snack preconfezionato di alta qualità oppure preparati home made con ingredienti genuini e adatti a lui: un buon compromesso tra la voglia di sorprenderlo e l’attenzione a quello che mangia. Ricordatevi che alcuni alimenti presenti sulle nostre tavole sono tassativamente vietati: bandito il panettone con l’uvetta, è tossica; idem cioccolato e dolci al cacao. No alla frutta secca e in particolare alle noci di macadamia, sono tossiche.

4. Un regalo è sempre gradito

Le feste sono sempre un buon momento per ricordare ai nostri amici a quattro zampe l’affetto che proviamo per loro. Possiamo regalare gadget, giocattoli, capi d’abbigliamento o pensare alla sua skincare: le creme balsamo per i polpastrelli o per il naso di amusi rappresentano un’idea utile e funzionale, soprattutto nei mesi invernali. Un’alternativa, anche last minute, sono le gift card amusi: scegliere consapevolmente cibi con il giusto apporto di sostanze nutraceutiche e con una percentuale di carni superiore al 50%, sarà un regalo sicuramente approvato da ogni animale domestico e dal “suo” umano!

5. Ospiti e parenti

Una casa piena di ospiti potrebbe essere fonte di stress e di nervosismo per il vostro cucciolo. Cercate sempre di farlo sentire a proprio agio e di farlo interagire e integrare. Se il cane è timoroso e non ama la confusione, mettetegli a disposizione un luogo più tranquillo, per esempio una stanza dove si può ritirare in caso di bisogno. Avvisate i vostri ospiti di non avvicinarsi in modo irruento e ingombrante e di aspettare che il cane prenda confidenza e si avvicini spontaneamente.

6. Spostamenti

Andrete in vacanza? Ricordatevi di chiedere al veterinario se è necessaria una profilassi antiparassitaria. Al Sud Italia il clima potrebbe essere ancora caldo ed è bene chiedere un parere sullo spostamento in altre regioni. Chi vuole andare all’estero, ovviamente, dovrà essersi mosso con anticipo per controllare tutta la regolamentazione sulle vaccinazioni previste per la destinazione.

7. La solitudine è il peggior nemico

Tutti gli animali si spaventano per i rumori forti ma i cani sono più sensibili, al punto da rischiare veri e propri attacchi di panico. Lasciarli da soli è un piccolo atto di crudeltà, la presenza del padrone è la migliore rassicurazione. Chiuderli in una stanza mentre i festeggiamenti sono al clou non è mai una buona idea: l’assenza di vie di fuga potrebbe rivelarsi pericolosa, i cani potrebbero avere una reazione incontrollata e ferirsi. Inoltre, evitate di lasciarli in giardino, potrebbero scappare o farsi del male, o sul terrazzo, potrebbero rischiare di cadere di sotto o lanciarsi per la paura.

8. Fare attenzione ai fuochi d’artificio e ai botti

Si sa, i nostri amici a quattro zampe non amano particolarmente i rumori forti. Durante i festeggiamenti evitiamo di esporli direttamente al lancio di fuochi e mortaretti, ma cerchiamo di trovare loro un posto riparato, lontano da porte e finestre. Cercate, per quanto potete, di attutire i rumori: abbassate le tapparelle, chiudete le porte e le finestre. Per camuffare il frastuono proveniente dall’esterno con suoni più gradevoli potreste accendere la televisione o riprodurre della musica.

9. In caso di crisi contattare un veterinario

Se il cane o il gatto vanno in panico è opportuno contattare un veterinario e chiedere una consulenza, anche telefonica, per essere certi di agire nel verso giusto. Il consiglio durante questi periodi dell’anno è di tenere sempre a portata di mano il numero della vostra clinica di fiducia, che avrà un presidio tutti i giorni dell’anno. In caso di cani solitamente sempre troppo nervosi è bene tenersi pronti chiedendo al medico veterinario qualche misura in più che funga da blando calmante.

10. Meglio anticipare l’ultima passeggiata

Trasformate la camminata serale con il vostro cane in una lunga passeggiata, ma di giorno, lontano dall’orario dei festeggiamenti per la fine dell’anno. Cercate di farlo camminare molto per farlo stancare e rilassare. Se avete in programma un giro in centro, meglio non portarlo con voi, potrebbe essere infastidito dalla folla e dai botti. Inoltre, durante le passeggiate anche nei primi giorni dell’anno nuovo, cercate di fare attenzione ai petardi che potrebbero essere rimasti inesplosi sull’asfalto o presso le aree verdi: il vostro cane potrebbe giocarci o metterseli in bocca, rischiando di ferirsi o di avvelenarsi.