Nursing Up: «Vogliamo finalmente un alveo di contrattazione per le elevate professionalità sanitarie»

42

ROMA – «Il 5 agosto prossimo, partirà l’attesa trattativa per il rinnovo del contratto del comparto della sanità. Si tratta del preludio per arrivare alla stesura di un contratto di vitale importanza per tutte le categorie della sanità, fondamentale per capire se la pubblica amministrazione e chi la rappresenta, e le stesse organizzazioni sindacali di categoria, si rendono conto del reale valore, dell’importanza, che tutte le professioni sanitarie rivestono, da ultimo anche alla luce dello strenuo impegno profuso ogni giorno, a costo della vita, durante la Pandemia».

Così Antonio De Palma, Presidente Nazionale del Nursing Up, che aggiunge: «Possiamo dire che il Presidente Caparini, del Comitato di Settore, ha mantenuto la sua parola, perchè aveva promesso al nostro sindacato che avrebbe sollecitato l’Aran per far partire prima possibile le contrattazioni. Come Nursing Up, sulla scia della nutrita partecipazione di colleghi provenienti da tutta Italia alle manifestazioni di Roma e Milano, vigileremo, affinché questo contratto realizzi, finalmente, quella valorizzazione che gli infermieri, ma anche le altre professioni sanitarie con la medesima base giuridica, stanno aspettando da tempo. E’ tempo di dar corpo e sostanza a quell’alveo di contrattazione per le elevate professionalità, nell’ambito delle previsioni della direttiva Brunetta, i cui contenuti sono stati confermati e ripresi anche da una recente fondamentale direttiva del Comitato di Settore».